È morto Gregorio Agrigento, boss di San Giuseppe Jato: vietati i funerali pubblici

E’ morto nell’ospedale Civico di Partinico, dove era ricoverato, Gregorio Agrigento, 85 anni, accusato di essere il capomafia di San Giuseppe Jato.

Era stato arrestato dai carabinieri nel 2016 e condannato in primo grado a 16 anni di carcere. Le perizie hanno stabilito la sua “incapacità irreversibile di partecipare al processo” e la Corte di appello di Palermo aveva prosciolto e scarcerato Agrigento accogliendo l’istanza del legale della difesa, l’avvocato Salvo Priola.

La tumulazione della salma si è svolta in forma privata questa mattina al cimitero di San Cipirello. Il questore di Palermo ha vietato i funerali pubblici.

TRUFFA PER INTASCARE FONDI EUROPEI, 8 DENUNCIATI NEL MESSINESE

CORONAVIRUS, IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 30 SETTEMBRE 2020

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI