morto mario pecoraino scultore

È morto lo scultore Mario Pecoraino, a Palermo realizzò il Monumento ai Caduti

E’ morto a Palermo a 89 anni lo scultore Mario Pecoraino. Compì i suoi studi al liceo artistico e all’Accademia di Belle Arti di Palermo, di cui divenne poi docente. La scultura, la grafica e la fotografia furono i termini fondanti delle sue opere. A soli 26 anni Mario De Micheli lo inserì nel volume “Scultura Italiana del Dopoguerra”. Fin dal 1953 è stato presente nelle grandi rassegne nazionali.

Il nome di Mario Pecoraino a Palermo è in qualche modo legato alla struttura in acciaio, collocata a piazza XIII vittime, che rappresenta il monumento ai caduti nella lotta contro la mafia. Gli fu commissionato nel 1984 e realizzato nel 1987. Ma l’artista non presenziò alla inaugurazione perchè – disse – la sua opera era stata snaturata.

È la docente di storia Rosanna Rizzo a raccontare quella vicenda. “Lo scultore aveva concepito il monumento in un altro modo, ovvero come un percorso su un ampio e percorribile piano con la visione della scultura in acciaio non dall’esterno di un cavalcavia, ma dall’interno. La struttura aveva un’altra destinazione, già determinata, ma non rispettata. Pecoraino non andò alla inaugurazione, quella collocazione snaturava il suo, non era la sua opera”.

Alla famiglia Pecoraino le condoglianze della redazione de L’Opinione della Sicilia

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI