Edibo, si conclude il progetto europeo che ha coinvolto 150 ragazzi siciliani

Si conclude ufficialmente Edibo – European Digital Bootcamps, il progetto europeo, di cui Forma.Lab s.r.l., azienda leader nel campo della formazione privata e finanziata, è partner e che ha visto il coinvolgimento attivo di 150 ragazzi siciliani, disoccupati e/o inoccupati, di età compresa tra i 18 e i 29 anni. Il Fondo EEA and Norway Grants, finanziando Edibo, ha perseguito l’obiettivo di incrementare l’occupazione giovanile, attraverso dei percorsi formativi incentrati sul mondo del digitale, comprendendo sia la programmazione informatica e i suoi linguaggi che lo sviluppo di campagne di web marketing.

Il progetto ha visto la partecipazione attiva di tutti i partner europei – Italia, Grecia, Bulgaria, Lettonia, Lituania, Spagna – che, insieme, hanno collaborato per trasmettere ai giovani gli strumenti necessari all’inserimento nel mondo del lavoro.
Dopo due anni di intensa attività ed impegno, di difficoltà legate alla diffusione della pandemia da Sars-Cov19, si conclude, quindi, un grande percorso.

A tal proposito, il 14 dicembre 2021 è stato realizzato il convegno finale di Edibo presso il Museo D’Aumale – Museo Regionale di Terrasini, sito nella splendida cornice del Lungomare Peppino Impastato. A fare da protagonisti sono stati tutti i partner europei e i soggetti istituzionali del territorio locale:  Gian Luca Bombarda – Direttore di EEA and Norway Grants for youth employment; Giosué Maniaci – Sindaco di Terrasini; Nunzio Maniaci – Assessore alla cultura del Comune di Terrasini ; Three Thirds Society NPO – Grecia; Institute for Youth Initiatives and Innovations – Bulgaria; Foundation for Society – Lettonia; Integration Centre – Lituania; National Craftsmen Confederation Lecce – CNA Lecce – Italia; Universitat Politecnica de Valencia – Spagna; Forma.Lab s.r.l. – Italia, in qualità di organizzatrice del convegno.

Ad intervenire attivamente sono stati anche i docenti delle attività formative, concluse con il rilascio di un attestato di partecipazione, ed i ragazzi che hanno preso parte a queste ultime. Come afferma uno degli allievi: “L’esperienza di Edibo mi ha segnato positivamente. Ho avuto modo di incrementare le mie competenze nel mondo della programmazione grazie agli insegnamenti di Emanuele, il mio docente. Ho acquisito digital skills e, adesso, so creare siti web e muovermi autonomamente nel mondo del web marketing. Ma la cosa più importante è che questo corso mi ha dato il coraggio di affrontare il mondo del lavoro senza alcuna paura. Adesso mi trovo a Berlino a fare uno stage in una grande azienda e non avrei potuto farlo senza questo magnifico percorso”.

Nell’esecuzione dell’evento, oltre all’esposizione dei risultati raggiunti e dei dati elaborati durante l’espletamento del progetto, è stato sottoscritto il c.d. Manifesto, documento grazie al quale verranno condivise le best practices acquisite durante questa esperienza. Le aziende, i servizi sociali e le organizzazioni del Terzo Settore, che fanno parte di una Rete Educativa Territoriale, potranno creare sinergie per sviluppare condizioni di lavoro per giovani, NEET e migranti. Creare il networking EDIBO significa: condividere obiettivi comuni; concordare le azioni da svolgere; avere una comprovata esperienza nella formazione dei NEET.

Edibo rappresenta l’opportunità che i 1.075 ragazzi, provenienti da tutta Europa, hanno colto per incrementare le loro competenze in un mondo in continua evoluzione, quello digitale, e per promuovere la lotta alla disoccupazione giovanile.

COVID, AIFA AUTORIZZA DUE ANTIVIRALI PER TRATTARE PAZIENTI CON MALATTIA LIEVE-MODERATA

COVID, TRE NUOVE ZONE ARANCIONI: PROROGA IN TRE COMUNI

COVID, QUARANTENA E SUPER GREEN PASS: ECCO LE NUOVE REGOLE E COSA CAMBIA

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI