Edilizia, ok all’aumento della cubatura dei terreni. Aricò: “Tutelati i diritti dei siciliani”

Alessandro Aricò, capogruppo all’Ars di DiventeràBellissima afferma che i siciliani che hanno avviato l’iter per aumentare la cubatura dei propri terreni a fini edili – tramite l’acquisto di altri terreni contigui – avranno “riconosciuto questo diritto, a condizione che le procedure siano state iniziate prima della norma regionale del 2021 che ha fatto decadere questa possibilità”.

“Con l’entrata in vigore della legge regionale numero 23 del 6 agosto 2021 in tema di edilizia – prosegue Aricò – è decaduta in Sicilia la possibilità di aumentare la cubatura di un terreno acquistandone altri contigui. Centinaia di siciliani che avevano già iniziato l’iter autorizzativo si sono ritrovati improvvisamente con le proprie pratiche cancellate, nonostante le spese già sostenute, in molti casi anche per l’acquisto dei terreni confinanti”.

Nel Ddl sulla riforma edilizia approvato nei giorni scorsi all’Ars, invece, sarebbe presente che “salva tutte le procedure autorizzative per l’aumento della cubatura iniziate prima dell’entrata in vigore della legge 23/2021, chiaramente purché nel rispetto delle norme urbanistiche e paesaggistiche”, ha concluso.

PALERMO, LAVORO IN NERO E VIOLAZIONE DELLE NORME ANTI-COVID: CHIUSI QUATTRO LOCALI

CRISI UCRAINA, AL VIA L’ACCOGLIENZA DEI PROFUGHI. MUSUMECI: “FAREMO LA NOSTRA PARTE”

È MORTO ANTONIO MARTINO, EX MINISTRO DEGLI ESTERI E DELLA DIFESA: AVEVA 79 ANNI

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI