WhatsApp

Egadi, torna il progetto “Delfini Guardiani delle Isole” di Marevivo

L’educazione ambientale ritorna ad animare le aule degli istituti scolastici delle Egadi con il progetto “Delfini Guardiani delle Isole” di Marevivo, che anche quest’anno coinvolge un centinaio di studenti delle scuole primarie e pluriclassi dell’arcipelago siciliano.

Il progetto è giunto alle Egadi alla quinta edizione, mentre a Capri fra qualche giorno si festeggeranno i 10 anni di sviluppo dell’iniziativa più cara all’associazione, che è riuscita nel tempo a realizzare un percorso strutturato capace di coinvolgere i più giovani ed avvicinarli ai temi della tutela del patrimonio naturale e alla conoscenza delle più gravi emergenze ambientali.

Si parte il 20 marzo da Favignana per arrivare a trovare il 21 a Marettimo, i pochissimi studenti che frequentano la sua piccola scuola e che hanno scelto di continuare a studiare nel luogo dove vivono, circondati dalla professionalità e dall’affetto di un gruppo d’insegnanti che vivono il lavoro con grande senso di responsabilità, affrontando le tante difficoltà e i disagi, ma non mancando di assicurare a questi bimbi pari diritti e stesse opportunità degli studenti della terraferma

Dieci o mille studenti non fanno la differenza per i giovani esperti di Marevivo. L’importante è raggiungerli tutti, passando dalle Eolie a Pantelleria, per arrivare a tante altre isole minori italiane per costruire con loro tante attività e vivere nuove esperienze che li aiuteranno nel futuro a divenire cittadini sempre più consapevoli e responsabili.

“A coloro che ci chiedono perché abbiamo scelto per il nostro progetto di lavorare nelle isole minori della Sicilia e del resto d’Italia ove a fronte di un rilevante impiego di risorse vengono interessati un numero limitato di persone noi rispondiamo – afferma Rosalba Giugni, presidente di Marevivo – che la scelta è generata dal fatto che questi bambini hanno minori opportunità di partecipazione ad attività trasversali alla scuola, rispetto ai bimbi che vivono nei grandi centri cittadini, a causa della difficoltà dei collegamenti e dei costi da sostenere per la loro realizzazione e poi perché vogliamo fare comprendere a questi giovani cittadini delle piccole isole italiane il privilegio e l’importanza del luogo in cui vivono e di come è importante conoscerlo a fondo per preservarlo per tanti anni ancora a venire. Il progetto non manca poi di supportare con attività di ricerca scientifica e laboratori, condotti in gran parte in natura e all’aperto, la crescita di competenze professionali e culturali degli studenti e offrire contemporaneamente nuove opportunità d’orientamento per le future scelte professionali”.

Archeologia, biologia marina, zoologia, botanica, riqualificazione urbana: sono solo alcuni dei temi su cui si concentreranno le attività previste dal programma. Un percorso diversificato in base all’età, per fornire ai più piccoli informazioni di base sulla flora e fauna marina locale, e agli alunni più grandi gli strumenti per mettere in pratica e approfondire le conoscenze già acquisite nelle scorse edizioni.

Poi quest’anno i bambini si cimenteranno anche in due attività di riqualificazione urbana, per comprendere il concetto e il valore della cittadinanza attiva e del senso di appartenenza che induce a sentirsi sempre più vicini alle istituzioni e tutori del posto in cui si vive.

Anche quest’anno MSC Crociere sostiene il progetto insieme all’Area Marina Protetta Isole Egadi; l’iniziativa ha ottenuto anche i patrocini del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, di Federparchi, della Regione Siciliana – Assessorato Territorio ed Ambiente, dell’Ufficio Scolastico Regionale Sicilia accomunati dall’opinione che l’educazione ambientale riveste un ruolo importantissimo per lo sviluppo sostenibile e per la tutela e il mantenimento delle aeree naturali protette.

“Contribuire a far crescere cittadini attivi e responsabili è di fondamentale importanza per il futuro del nostro arcipelago – afferma il sindaco di Favignana, Giuseppe Pagoto – perché attraverso l’educazione che questi giovani riceveranno sia affermerà sempre più il concetto dell’importanza della tutela, inteso non come limite posto alle attività umane, ma come garanzia della difesa e della sopravvivenza del patrimonio naturalistico e culturale isolano”.

Alla valutazione positiva del progetto si unisce anche Michele Ponzio vicario del dirigente scolastico nelle isole Egadi che afferma: “sottolineiamo l’impegno comune per garantire alla scuola di Favignana e Marettimo qualità della didattica e regolarità delle lezioni, senza allontanare i bambini dalle loro isole e dalle famiglie e accogliamo e collaboriamo alla realizzazione delle tante iniziative che ci vengono proposte da associazioni come Marevivo, che contribuiscono ad arricchire la preparazione dei nostri studenti aprendoli a tematiche ed esperienze di grande valore scientifico e culturale”.

Alla fine del percorso, ai partecipanti verrà rilasciato il distintivo di “guardiani dell’isola”, riconoscimento che gli consentirà di recarsi senza accompagnatori adulti presso il proprio Comune o la Capitaneria di Porto per segnalare eventuali problemi legati alla salute del territorio.

Categorie
cultura
Facebook

CORRELATI