Elezioni politiche, trionfo della Meloni: FdI oltre il 26%. Cdx al 44%. Pd al 19%

Alle 23.00 si sono concluse le operazioni di voto, che hanno visto quasi 51 milioni di italiani chiamati a votare nei seggi per rinnovare il Parlamento.


ORE 14.12 – Si va verso dati quasi definitivi. Alla Camera, con 61.366 sezioni scrutinate su 61.417, il centrodestra è al 43,82%, il centrosinistra al 26,12%, M5S al 15,41% e Azione/Italia Viva al 7,78%. Al Senato, con 60.337 sezioni scrutinate su 60.399, il centrodestra è al 44,07%, il centrosinistra al 25,99%, M5S al 15,54% e Azione/Italia Viva al 7,72%.

ore 10.00: A poche sezioni dalla fine dello scrutinio, alla Camera il Centrodestra è al 43,96%, il Centrosinistra al 26,2%. Movimento 5 Stelle al 15,28%, Azione di Calenda al 7,75%. Al Senato non ci sono sostanziali differenze. Primo partito Fratelli d’Italia al 26,1%

ore 06.28: Sia alla Camera che al Senato, dove ci sono scostamenti molto piccoli nei risultati, la maggioranza di centrodestra ha oltre il 44,3% dei consensi, il centrosinistra il 26,4%.

ore 06.14: I numeri reali non potranno cambiare di molto, solo qualche punto decimale. Il Pd andrà sotto il 20%, qualcosa in più delle ultime elezioni ma un risultato deludente. Deludente anche la Lega che si ferma al 9%, subendo dunque l’esplosione dell’alleato di destra. Fra i partiti più grossi solo il M5S può tirare un sospiro di sollievo, con il quasi 15% è il terzo partito e le previsioni non brillanti della vigilia sono state esorcizzate. Azione/Italia Viva debutta con il 7,8%, risultato inferiore alle speranze, a una incollatura di distanza da Forza Italia che non ottiene un grande risultato ma che sarà decisivo per la formazione di una maggioranza di centrodestra.

ore 05.49: Dopo oltre 54.000 sezioni scrutinate, vale a dire circa l’85% del totale, il dato è ormai consolidato. Alla Camera Fratelli d’Italia si attesta al 26,4%, quindi ancora più su rispetto agli instant poll già generosi. Il Pd è al 19,4%, il Movimento 5 Stelle al 14,8%, la Lega al 9%, Forza Italia all’8% e Azione / Italia Viva al 7,8%.

ore 03.04: Giorgia Meloni assapora il trionfo: la sua vittoria è eclatante. “L’indicazione è chiara – dice -, gli italiani vogliono un governo di centrodestra guidato da Fratelli d’Italia. Questo è il tempo della responsabilità, l’Italia ha scelto noi e noi non la tradiremo come non l’abbiamo mai tradita”.

ore 01.20: Già completato lo scrutinio di circa 1.500 sezioni sulle oltre 61.000 totali. Si conferma la vittoria del centrodestra trascinato da Fratelli d’Italia che sarà il partito più votato della coalizione. Soltanto nella mattinata di lunedì si avranno dati più affidabili ma non è in discussione l’ampia maggioranza in Senato e alla Camera per il centrodestra. Da verificare i due testa a testa più rappresentativi: quello tra Pd e M5S che si giocano il ruolo di primo partito d’opposizione, e quello tra Lega e Forza Italia per cho è seconda forza nella coalizione.

ore 00.16: Conti alla mano (ovviamente da verificare con i dati reali) la coalizione di centrodestra sarebbe stata testa a testa con il centrosinistra se fosse andata avanti la coalizione inizialmente ipotizzata con Pd, M5S, Verdi e + Europa. Un elemento che farà discutere ancora nei commenti post spoglio.

ore 00.14: I primi dati reali, che fotografano lo spoglio delle prime sezioni, sembrano confermare tutte le indicazioni dei primi instant poll, con Fratelli d’Italia primo partito e un sostanziale testa a testa tra Pd e M5S per il secondo posto.

ore 00.01: Il centrodestra avrebbe una maggioranza di 236 deputati alla Camera su 400, abbastanza ampia per poter governare. 114 i seggi di Fratelli d’Italia, 69 quelli della Lega e 46 quelli di Forza Italia. Il centrosinistra conterebbe 88 deputati, il Movimento 5 Stelle 46 e il Terzo Polo 19. Maggioranza ampia anche al Senato: secondo le proiezioni la maggioranza sarebbe di 117 senatori sui 200 totali.

ore 23.40: Diffuso da Sky il secondo instant poll elaborato da Quorum / Youtrend: sempre in largo vantaggio Fratelli d’Italia con il 24,1%, seguito dal Pd con il 19,7% (in lieve discesa). Poi M5S con il 16, la Lega (in recupero) sarebbe al 10,3%, testa a testa tra Forza Italia (7,3%) e Azione/Italia Viva 7,2%. Più in basso Versi/Si al 3,9% e + Europa ancora sotto al 3%.

Anche per questo exit poll quasi combaciano i dati tra Camera e Senato. la maggioranza per il centrodestra si preannuncia abbastanza larga.

ore 23.32: Non è ancora ufficiale il dato dei votanti ma il dato dovrebbe aggirarsi intorno al 64%, dunque con ampio calo rispetto alle ultime elezioni, circa il 10%. QUI GLI AGGIORNAMENTI

ore 23.25: Tutti i sondaggi diffusi sono piuttosto simili tra loro: Fratelli d’Italia, come previsto, dovrebbe essere il primo partito. Poi il Pd, il M5S, Lega e Forza Italia. Le distanze ipotizzate dai sondaggi sono piuttosto ampie per cui difficilmente questa “classifica” verrà stravolta dai dati reali.

ore 23.17: Tweet di Matteo Salvini: “Centrodestra in netto vantaggio, sarà una lunga notte ma già ora voglio dirvi grazie”.

ore 23.01: Sky ha diffuso i primi Instant poll per la Camera: Fratelli d’Italia è il primo partito con il 23,5%, seguito dal Pd con il 20,3%. Poi Movimento 5 Stelle con il 16,4%, lega al 9,6% Forza Italia 7,8%, Azione/Italia Viva 7,2%, Verdi/Sinistra Italiana 4,1%, + Europa 2,9%.

Anche gli exit poll che riguardano il Senato ricalcano sostanzialmente i dati della Camera, con scostamenti minimi.

Ore 17.00 – “Voglio più voti della Lega. Con la lega noi andiamo d’accordissimo perché io ho nutrito un’amicizia fruttuosa con Matteo Salvini, che è una brava persona. Ha bisogno di essere un po’ inquadrato. Anche lui non ha lavorato mai. Per cui io cercherò di fare il regista del governo”. Le parole del presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, dopo il voto a Milano.

Ore 12.30 – Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha votato questa mattina, alle 8.45, nella scuola “Giovanni XXIII – Piazzi” a Palermo.

POLITICHE, TUTTI I DATI DELL’AFFLUENZA

ELEZIONI REGIONALI, IL DATO DELL’AFFLUENZA

ELECTION DAY, SI VOTA PER LE POLITICHE: ECCO LE MODALITÀ E TUTTO QUELLO CHE C’È DA SAPERE

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI