Esercizi commerciali, i sindacati minacciano lo sciopero per i giorni festivi e prefestivi

In Sicilia, i sindacati del commercio tornano a minacciare uno “sciopero” per le giornate del 24, 25 e 30 aprile e per il 1 maggio. La richiesta è quella di una chiusura dei negozi la domenica e nei festivi.

Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil in una nota inviata al presidente della Regione, Nello Musumeci, al presidente Anci Sicilia, Leoluca Orlando e alle prefetture, ribadiscono la necessità di “chiudere per l’intera giornata di domenica e festivi i negozi” e di “anticipare l’orario di chiusura dal lunedì al sabato, per tutti gli esercizi commerciali, per una maggiore tutela della salute e sicurezza delle lavoratrici, dei lavoratori e di tutta la collettività”.

I segretari generali Monia Caiolo, Mimma Calabrò e Marianna Flauto ricordano che “tali misure avrebbero il merito di non vanificare tutti gli sforzi sin qui fatti nel tentativo di contenere il rischio di diffusione del virus Covid-19. Inoltre aiuterebbe ad allentare i carichi di lavoro e lo stress accumulato dalle migliaia di lavoratrici e lavoratori del settore della distribuzione organizzata, che durante il lockdown hanno garantito un servizio definito essenziale, nonostante fossero continuamente esposti al rischio contagio, con il timore, adesso, di rivivere nuovamente quel periodo e di mettere a repentaglio, quindi, non solo la loro stessa salute, ma anche quella dei propri familiari”.

NUOVI CONTAGI, PALERMO SOTTO SOGLIA “ZONA ROSSA”

“FUGA” DA ASTRAZENECA: VACCINI, GRAVI RITARDI 

ORLANDO: “ITALIA VIVA HA GETTATO LA MASCHERA”

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI