Estorsione e capolarato nei confronti di una Onlus di Bagheria: tre denunce

La Guardia di Finanza del Comando provinciale di Palermo ha dato esecuzione a due distinti decreti di sequestro, per un valore complessivo pari a quasi 700 mila euro, emessi dal gip del Tribunale di Termini Imerese, su richiesta della Procura termitana, nei confronti di tre persone, ritenute responsabili dei reati di caporalato ed estorsione.

In particolare, l’attività svolta dai finanzieri scaturisce da un’indagine di Polizia Giudiziaria svolta nei confronti di una Onlus con sede a Bagheria che opera nel settore dei servizi socio-assistenziali e di trasporto di persone con disabilità e dializzati.

Dalle investigazioni è emerso che i tre, seppure inquadrati come soci lavoratori, svolgevano di fatto le attività tipiche di un “datore di lavoro”, imponendo le loro decisioni agli altri volontari, ai quali non garantivano il pagamento delle ferie, della tredicesima, delle indennità per malattia e costringendo spesso gli stessi, dietro continue minacce, a restituire parte dello stipendio versato, obbligandoli a prelevare il giorno stesso in cui veniva effettuato l’accredito. Per tale motivo i tre sono stati deferiti alla Procura della Repubblica di Termini Imerese per i reati di estorsione e sfruttamento del lavoro nei confronti dei volontari della Onlus.

I finanzieri hanno anche effettuato degli accertamenti di tipo patrimoniale, in base ai quali il gip del Tribunale di Termini Imerese ha disposto il sequestro “per equivalente” finalizzato alla confisca, dei beni e delle disponibilità finanziarie del valore del profitto illecito dei reati contestati, nonché il sequestro delle disponibilità economiche possedute in valore sproporzionato rispetto al proprio reddito per un valore complessivo di oltre 690.000 euro.

DROGA, SEQUESTRATI 138 CHILI DI HASHISH A PANTELLERIA: ARRESTATI DUE UOMINI E UNA DONNA

DROGA, BLITZ A BAGHERIA: SMANTELLATO IL CLAN CHE RIFORNIVA LE PIAZZE DI PALERMO E TRAPANI

ALLUVIONI IN SICILIA, DALLA REGIONE VIA AI PRIMI CONTRIBUTI PER I COMUNI COLPITI

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI