False vaccinazioni, Costa: “Si chiude un capitolo triste, ci sentiamo traditi e danneggiati”

“Si chiude un capitolo triste e, insieme, sconcertante”. Lo afferma Renato Costa, commissario Covid della Città metropolitana di Palermo, commentando il fermo di tre persone nell’ambito di un’indagine su casi di falsa vaccinazione effettuati da un’infermiera in servizio presso l’hub della Fiera del Mediterraneo. Costa ha poi confermato che la struttura commissariale sta già esaminando la costituzione come parte civile in un eventuale processo.

“A maggiore chiarezza: non solo non sono indagati medici e responsabili della Fiera del Mediterraneo, ma fin dall’inizio delle indagini io, il referente dell’hub vaccinale Rosario Iacobucci e altri membri dello staff abbiamo fornito agli investigatori tutto il supporto possibile. Era innanzitutto nostro interesse che fossero individuati i responsabili, per mettere fine a un raggiro che, per quanto episodico, è tanto più odioso perché si svolge tra le mura di un hub vaccinale, un luogo dove le persone cercano protezione dal virus”.

“In questa vicenda io e, mi sento di dire, tutti i lavoratori della Fiera del Mediterraneo ci sentiamo traditi e danneggiati, perché le accuse ai tre indagati, qualora confermate, remerebbero contro tutto ciò per cui ci spendiamo quotidianamente, passando intere giornate in questo hub: convincere, rassicurare, sensibilizzare al vaccino, che è il solo modo per uscire dalla pandemia”.

FALSI VACCINI A PALERMO: TRE FERMATI DALLA DIGOS

ORLANDO PRESENTA IL PIANO DI RIEQUILIBRIO: “NO AL PARTITO DEL DISSESTO”

PIANO DI RIEQUILIBRIO: LE OPPOSIZIONI VANNO ALL’ATTACCO DI ORLANDO

MICCICHE’: “LA CANDIDATURA DI MIO FRATELLO GAETANO? UN SOGNO. MUSUMECI…”

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI