Falso, truffa e bancarotta fraudolenta: sequestro di beni ad un imprenditore di Gela

Associazione mafiosa, estorsione, usura, evasione, detenzione illecita di stupefacenti e illegale di armi. Sono numerosi i precedenti di un imprenditore 45enne di Gela a cui sono stati sequestrati beni per 2 milioni di euro.

Secondo gli inquirenti l’imprenditore avrebbe “mantenuto negli anni una pericolosità sociale perseguendo e continuando il proprio disegno criminoso, consistito nella gestione di fatto di due aziende a lui riconducibili anche successivamente all’applicazione di una misura cautelare personale”.

L’uomo attualmente è imputato per trasferimento fraudolento di valori, falso e truffa, e indagato per bancarotta fraudolenta. Confiscato l’intero capitale sociale ed il complesso aziendale dei beni di due società di Gela nel settore del commercio di frutta ed ortaggi, 2 motocicli e alcuni rapporti bancari direttamente intestati all’imprenditore e/o a suoi familiari.

INCIDENTE NEL PALERMITANO, INVESTITO UN BAMBINO MENTRE ERA IN BICI: È IN GRAVI CONDIZIONI

LAGALLA A ROMA: UN MESE IN PIÙ PER EVITARE IL DISSESTO DEL COMUNE DI PALERMO

PALERMO, SEQUESTRO DI BENI DA 2 MILIONI A BADAGLIACCA: ERA MORTO IL 10 GIUGNO

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI