Fleres (SvC):”Iniqua la tassa sui voli aerei, la Sicilia paga un conto da 137 milioni”

“Ci sono molti modi per dimostrare disinteresse verso il Sud e la Sicilia in particolare: uno di questi è l’invenzione della tassa sui voli”.  Salvo Fleres, coordinatore nazionale di Siciliani verso la Costituente, rilancia il tema della penalizzazione della Sicilia in tema di costo di biglietti aerei (la tassa è quantificabile in 137 milioni l’anno) che si aggiunge alla penalizzazione di fatto che i siciliani subiscono con le disastrate condizioni autostrade e ferrovie che impediscono soluzioni alternative al viaggio in aereo.

“Che fine ha fatto la logica della continuità territoriale – aggiunge Fleres -, quella che dalla primavera 2020 permetterà ai siciliani di raggiungere alcune città con voli dal costo contenuto? Poche destinazioni e due soli aeroporti sono meglio di niente, un contentino, ma pare sia bastato cambiare un colore al gagliardetto della squadra di maggioranza per tornare indietro. Le alternative ci sono e noi di Siciliani verso la Costituente ci permettiamo di suggerirne una sul modello della Spagna, dove per Real decreto viene riconosciuta l’impossibilità dei cittadini delle isole di scegliere un mezzo di trasporto diverso dall’aereo o dalla nave. Soluzione semplice ma efficace, al momento di effettuare la prenotazione del biglietto, non importa con quale compagnia aerea e su quale rotta, purché interna, si apre un menu a tendina dove sono elencati i diversi casi e lo sconto cui si ha diritto. Sarà poi il vettore a chiedere allo Stato il rimborso dell’importo scontato”.

Siciliani verso la Costituente sottoporrà l’idea al ministro per il Sud. “L’esempio spagnolo – conclude Fleres – è solo una delle buone pratiche che i siciliani attendono e ormai pretendono, ed è proprio questo il motivo per il quale la Sicilia ed il Sud hanno bisogno di un partito che ne rappresenti le posizioni, abbandonando ideologismi e tifoserie, in favore di forme di leale, onesta, competente e ben controllata rappresentanza delle nostre vere istanze di crescita e sviluppo”.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI