Fondachelli Fantina, un progetto per la messa in sicurezza del quartiere Rubino

La Struttura contro il dissesto idrogeologico della Regione ha aggiudicato la progettazione esecutiva per la messa in sicurezza del quartiere Rubino di Fondachelli Fantina, nel Messinese, al fine di consolidare il centro storico.

A eseguire le indagini e gli studi geologici propedeutici alla stesura del documento progettuale – in ragione di un ribasso pari al 47 per cento – sarà un team di professionisti rappresentato dall’architetto Giuseppe Marotta: questo il risultato della gara, definita dagli Uffici diretti da Maurizio Croce.

Quello in questione è il quarto lotto, dopo un primo intervento che risale agli anni Novanta, il secondo e il terzo effettuati rispettivamente nel 2005 e nel 2010. L’area interessata ha una classificazione R4, di rischio molto elevato, e d’altra parte, le lesioni e i danni causati negli anni alle sedi viarie, a una serie di edifici e a varie infrastrutture, e ancora ben visibili ne sono una conferma.

Le arterie più danneggiate sono via Mazzini e via colonnello Mastroeni, ma è tutto il versante ad aver subito smottamenti e frane. Tra le misure che il progetto non potrà che contemplare, la realizzazione di opere di raccolta e di canalizzazione delle acque superficiali per limitare il ristagno e quindi l’infiltrazione nel sottosuolo ma anche quella di un sistema paratie di pali e berlinesi, adeguatamente tirantate e opportunamente collegate alla sommità.

PALERMO, SPARATORIA ALLO ZEN: FERMATE DUE PERSONE

MESSINA, BENI CONFISCATI A UN IMPRENDITORE

PALERMO, ORA SI PENSA DI VACCINARE ANCHE DI NOTTE

IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 23 MARZO 2021

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI