Fondi agricoltura, M5S all’Ars: “Sicilia danneggiata, rimandare la revisione dei criteri”

“Togliere soldi al Sud, principalmente alla Sicilia, già dal 2021, con una promessa di una revisione nel 2022 del primo pilastro della Pac, cioè degli aiuti diretti agli agricoltori, è per noi inaccettabile”. Lo affermano i deputati del M5S all’Ars in relazione al possibile taglio dei fondi dell’agricoltura al Meridione e soprattutto alla Sicilia.

“L’agricoltura siciliana è uno dei principali motori economici della nostra terra. I prodotti dei nostri agricoltori sono conosciuti e apprezzati in tutto il mondo, per questo non può essere sottratto nemmeno un centesimo alla nostra agricoltura. Se il ministro ritiene opportuno rivedere i criteri di assegnazione delle risorse lo faccia per entrambi i pilastri, aiuti a superficie e Psr”.

“Il regolamento europeo è chiaro: la programmazione 21/22 è transitoria, e per tale ragione occorre garantire continuità dei pagamenti agli agricoltori e agli altri beneficiari e assicurare prevedibilità e stabilità ad un settore di per sé in profonda crisi. Non esiste alcun obbligo da parte dei regolamenti europei di rivedere i criteri sin da subito. Se il ministro intende rivederli lo faccia nel 2022, rivedendoli entrambi, così come previsto per la nuova programmazione 23/27”.

RIFORMA DELL’IRSAP ALLE BATTUTE FINALI: INCONTRO TURANO-CONFINDUSTRIA

COVID IN SICILIA, DAL 26 MAGGIO VIA AI VACCINI PER I MATURANDI 

USURA CON TASSI DEL 20%: QUATTRO ARRESTI A BAGHERIA

PALERMO, SEQUESTRO ALL’UOMO CHE GESTIVA LO SPACCIO DI DROGA ALLO ZEN

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI