Lezzi-Musumeci

Fondi Europei, la “carezza” del ministro Lezzi e la “piccola rivincita” di Musumeci

Dal Ministro per il Sud, la pentastellata Barbara Lezzi, arriva una “carezza” per il Governo siciliano targato Musumeci a proposito della certificazione di spesa dei fondi europei che si è attestata intorno ai 710 milioni di euro. Una carezza forse insperata, visto che sul tema dei fondi europei, proprio nelle ultime ore, c’è stata qualche frecciatina velenosa all’indirizzo del Governo da parte della deputazione regionale dei 5 Stelle.

IL POST DELLA LEZZI: E così la Lezzi oggi annuncia trionfalmente che l’Italia non perderà un euro perché tutti i fondi europei sono stati spesi e ricorda che quando si è insediata a giugno la situazione era disastrosa, l’obiettivo da raggiungere lontanissimo. E in un video postato su Facebook dedica un riconoscimento speciale alla Sicilia: “Ringrazio in particolare il Governatore della Sicilia Musumeci, bisogna riconoscere che ha ereditato una programmazione disastrosa e clientelare dal precedente governo Crocetta ed è stato costretto a fare un lavoro molto più difficile e complesso dei suoi colleghi”.

Guarda il video, dal minuto 12.46:


IL GRAZIE DI MUSUMECI: Un endorsment gradito dal governatore siciliano che con una nota si affretta a ringraziare: “Accogliamo con piacere le parole del ministro Barbara Lezzi perché rappresentano il riconoscimento del lavoro svolto qui in Sicilia che ci ha consentito di tagliare un traguardo forse insperato anche per il governo centrale, nonostante la pesante situazione ereditata da chi ci ha preceduti e che anche sulla spesa dei Fondi europei era rimasto all’anno zero”.

LA STOCCATA: “Un riconoscimento autorevole – aggiunge Musumeci – che sconfessa i commenti pervenuti da alcuni suoi colleghi di partito all’Ars e che ormai ci hanno abituati alla critica a ogni costo, anche al cospetto dei numeri che, per loro stessa natura, sono incontestabili. Guardiamo avanti. Abbiamo già detto che non ci accontentiamo e che ogni obiettivo appena raggiunto diventa, un minuto dopo, il punto di partenza per raggiungerne uno nuovo, ancora più importante. E così sarà”.

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI