Agricoltura

Fondi per biologico e allevamenti, CIA Sicilia: “Spariti i bandi del PSR”

Nessun bando recente e grande incertezza sul futuro: il risultato è che due importati comparti agricoli siciliani come le coltivazioni biologiche e gli allevamenti, tornano a essere alla canna del gas. A lanciare l’allarme è la Cia Sicilia Occidentale che denuncia l’assenza di bandi del PSR nell’ultimo biennio per il biologico e nell’ultimo anno per le indennità compensative, cioè il premio concesso agli agricoltori ma soprattutto agli allevatori che operano nelle zone montane o soggette a vincoli per compensare, almeno in parte, gli svantaggi a cui è soggetta l’attività in queste zone. “È un sostegno fondamentale per entrare nel mercato con prezzi competitivi”, dice la nota.

“L’ultimo bando del PSR – ha spiegato la Cia – per la misura 11 dedicata al biologico risale al 2016, aveva una dotazione di soli 10 milioni di euro ed era stato emesso per assicurare continuità alle forme di sostegno (tra la vecchia e la nuova programmazione) a chi aveva scelto di passare dall’agricoltura o dagli allevamenti convenzionali a quelli biologici. È anche noto che fondi per il biologico della attuale programmazione sono stati usati per pagare bandi del PSR 2007-2013. Per quanto riguarda la misura 13 per le indennità compensative, che dovrebbe avere cadenza annuale, l’ultimo bando risale invece al 2017 con una dotazione di 68 milioni di euro”.

“L’assenza di bandi nell’ultimo periodo ha comportato per agricoltori e allevatori un danno economico enorme, visto che contribuiscono in maniera incisiva sul reddito degli imprenditori”, ha dichiarato Antonino Cossentino, presidente della Cia Sicilia Occidentale. “Ora – ha continuato – siamo fortemente preoccupati perché non abbiamo notizia di nuovi bandi per queste due misure e non sappiamo se il governo regionale pensa di poter recuperare in qualche modo per il passato. Ci chiediamo che fine stiano facendo i 2,2 miliardi di euro destinati dall’Europa all’agricoltura siciliana, come stiamo spendendo questi fondi. La Sicilia è la regione d’Italia che ha avuto dall’Europa il maggior sostegno, è un’opportunità che in gran parte stiamo sprecando a discapito dei piccoli e medi imprenditori. Abbiamo il diritto di sapere e per questo chiediamo al governo regionale una rendicontazione fino a questo momento del PSR 2014-2020”.

LA REPLICA DELL’ASSESSORE EDY BANDIERA – “Come ho più volte dichiarato, ad oggi, non abbiamo la disponibilità finanziaria necessaria per emettere nuovi bandi relativi al biologico e all’indennità compensativa, a causa del fatto che, già al momento del nostro insediamento, la dotazione finanziaria delle misura 11 e 13 era stata interamente impegnata dal precedente Governo. In atto stiamo lavorando ad una riprogrammazione delle risorse che andrà in conto alle esigenze primarie dell’agricoltura siciliana”. Lo dice l’Assessore per l’Agricoltura, Edy Bandiera, relativamente alle preoccupazioni lamentate dal vice Presidente di CIA Sicilia Occidentale, circa l’assenza di bandi PSR per il biologico e l’ indennità compensativa, per chi opera nelle zone svantaggiate come gli allevatori che operano nelle zone montane o soggette a vincoli.

“Alla domanda su che fine stiano facendo i 2,2 miliardi di euro destinati dall’Europa all’ agricoltura siciliana, mi colpisce che il vice Presidente di un’organizzazione di categoria così autorevole non sappia, nel dettaglio, che parliamo di un PSR che ha impegnato l’89% delle somme di cui il 26,7 già erogate agli agricoltori e sul quale, in piena trasparenza, possiamo dimostrare ogni centesimo impegnato ed erogato – afferma l’Assessore Bandiera – Fattore questo che, tra l’altro, ha posto e continua a porre la Sicilia tra le prime regioni d’Italia per livello di spesa dei fondi comunitari raggiunto. Per quanto attiene nello specifico al bando ‘biologico’ – spiega Bandiera – si tratta di una misura che, all’origine della Programmazione, quindi nel 2013, aveva una dotazione finanziaria pari a circa 415 milioni di euro. Queste risorse con le annualità 2013 – 2017 e i trascinamenti della programmazione precedente, si sono esaurite. Analoga dinamica ha avuto la misura relativa all’indennità compensativa. Ragione per la quale ad oggi non sono stati emanati i bandi. Ferma restando la base giuridica del Programma di Sviluppo Rurale, che la Sicilia ha sottoscritto con l’Europa e che va rispettato e attuato, prosegue l’Assessore, stiamo procedendo, come Governo, con una riprogrammazione delle somme che sarà composta dalle economie residue di alcune misure, unitamente alle risorse disponibili per gli ultimi bandi della programmazione da emettere. La rimodulazione, che dovrà essere autorizzata dalla Commissione Europea, non potrà che andare incontro alle diverse esigenze primarie dell’agricoltura siciliana”.

Categorie
economia
Facebook

CORRELATI