Fondo perequativo enti locali, Orlando fa la sua proposta al Consiglio Comunale

Il sindaco Leoluca Orlando ha emanato oggi una direttiva – indirizzato al dirigente del Settore Tributi, nella qualità di dirigente ad interim del Servizio Tari – per la proposizione al Consiglio comunale “di un peculiare regolamento relativo alle agevolazioni Covid, in forza dell’articolo 11 della Legge regionale n.9/2020, istitutivo di un apposito fondo perequativo degli enti locali presso l’Assessorato regionale delle autonomie locali e della funzione pubblica”.

Tale fondo è destinato – “per il periodo in cui le suddette attività risultino sospese o soggette a limitazione a seguito dell’emergenza sanitaria Covid-19” – alla compensazione delle minori entrate di quei Comuni che dispongono l’esenzione o la riduzione di tributi locali dovuti da operatori economici – prioritariamente alberghi e strutture ricettive – nonchè per le concessioni di suolo pubblico destinate all’esercizio di attività di bar, ristoranti e attività turistiche; l’esenzione o la riduzione di tributi locali nonché canoni di utilizzo dovuti da operatori economici, enti e associazioni per l’uso di immobili destinati a sale cinematografiche e teatri pubblici e privati o per l’uso di strutture ed impianti sportivi pubblici e privati; infine, alla compensazione delle minori entrate di quei Comuni che concedono gratuitamente un aumento pari al 50 per cento del suolo pubblico al fine di consentire il rispetto delle distanze derivante dalle misure di contenimento dell’emergenza Covid-19.

Nel corso di una riunione tecnica tenutasi ieri si è convenuto, con riferimento al tributo TARI, di utilizzare le medesime modalità già approvate dal Consiglio comunale nel corso del 2020, riconoscendo i benefici ai soli operatori economici che è possibile individuare attraverso i codici ATECO indicati espressamente nei Decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri che hanno disposto la chiusura temporanea delle rispettive attività, per un valore complessivo della riduzione di venti milioni, la cui percentuale effettiva potrà essere determinata solo dopo la presentazione del PEF TARI 2021.

Inoltre, tenuto conto che la previsione “di cui all’art.11 della L.R. n.9/2020 destina il Fondo Perequativo anche con riferimento alle misure finalizzate alla esenzione e/o alla riduzione dei canoni di utilizzo dovuti dai medesimi operatori economici, nonché enti e associazioni per l’uso di immobili destinati a sale cinematografiche e teatri pubblici e privati o per l’uso di strutture ed impianti sportivi pubblici e privati, ovvero alla concessione di un aumento pari al 50 per cento del suolo pubblico al fine di consentire il distanziamento imposto dalla perdurante emergenza COVID-19” i dirigenti competenti sono chiamati ad adottare “i necessari provvedimenti amministrativi affinché si riconosca, sotto la medesima condizione sospensiva, a beneficio dei soggetti ut supra, un credito da compensare con i canoni e/o gli obblighi tributari del 2022”.

Contestualmente, l’atto di indirizzo viene inviato anche all’Avvocato Capo “affinché invii una relazione dettagliata che illustri lo stato del contenzioso giudiziale già instaurato con la Regione Siciliana relativamente ai c.dd. extra costi sostenuti dalla partecipata RAP spa nel 2019 e nel 2020 a causa della mancata attivazione, ancora ad oggi, della VII vasca presso Bellolampo, con riserva dell’Amministrazione attiva di approvazione di ulteriori forme di agevolazione ai fini TARI all’esito dei detti giudizi ove le ragioni del Comune di Palermo fossero giudizialmente riconosciute”.

“Un atto politico a favore delle attività economiche – dichiara l’assessore ai Tributi, Sergio Marino – che favorisce il clima in vista delle decisioni che saranno prese sul PEF Tari. Un atto politico che è la sintesi del costante confronto che ANCI Regionale ha tenuto con i governi regionale e statale. Nessuno vuole appesantire con tributi locali la cittadinanza e in tal senso non sarà tralasciata nessuna iniziativa per garantire il rimborso degli aumenti per le famiglie in relazione all’esito del ricorso per il recupero degli extra costi relativi allo smaltimento dei rifiuti”.

DIFFERENZIATA A PALERMO, ASSOLUZIONE CONFERMATA PER GLI IMPUTATI

RAZZA: ”SPALMARE I MORTI? FRASE INFELICE”

REGIONE, MUSUMECI FRENA: SLITTA IL RITORNO DI RAZZA

MAFIA, GIOVANNI BRUSCA TORNA LIBERO PER FINE PENA

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI