Orchestra sinfonica siciliana
Orchestra sinfonica siciliana

Foss, i sindacati dello spettacolo contro il commissariamento

I sindacati dello spettacolo contro il commissariamento della Foss. In una nota unitaria, Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil e Fials chiedono la costituzione immediata di un nuovo Cda per la Fondazione orchestra sinfonica siciliana giudicando come “una forzatura, immotivata e ingiustificata” la decisione di procedere alla nomina di un commissario ad acta.

“Ci saremmo aspettati la nomina del nuovo cda per ripristinare la normale forma istituzionale e funzionale della Fondazione. La Foss – aggiungono i sindacati – vanta gli ultimi tre bilanci in attivo, una programmazione di qualità consolidata, e un equilibrio organizzativo senza precedenti. Tra l’altro, questa scelta cade nel pieno di una frequentatissima stagione di concerti, con prestigiosi direttori e solisti, causando un enorme danno di immagine”.

La Foss, dopo un periodo di crisi, con la collaborazione delle organizzazione sindacali e dei lavoratori aveva intrapreso da qualche anno un cammino virtuoso. “Bilanci in pareggio, stagioni di eccellenza, aumento considerevole di abbonati, visite guidate e attività di prestigio sono l’evidenza di un lavoro esemplare”, è il giudizio unanime dei sindacati. “Il nuovo governo regionale -aggiungono – aveva nominato, legittimamente, un nuovo cda, che si è mosso in direzione del consolidamento dei risultati raggiunti. Dopo pochissimi mesi, invece, sorprendentemente e in modo preoccupante, i tre quinti del consiglio d’amministrazione si sono dimessi”. Ad un mese dalle dimissioni improvvise del presidente e di due consiglieri, già espressione del governo regionale, i sindacati si sarebbero aspettati la nomina di un nuovo cda. “E invece ecco la scelta del commissariamento, ancora più preoccupante per la vaghezza di mansioni e la mancanza di un limite temporale previsto”.

Slc, Fistel, Uilcom e Fials, nel rispetto di un percorso democratico della Fondazione, chiedono il ripristino dell’organo di governo del Teatro, come già chiesto il 6 dicembre scorso all’assessore al Turismo, per dare la possibilità di un confronto in continuità con i risultati raggiunti. “Auspichiamo che il percorso di rilancio appena intrapreso dalla Fondazione debba essere ulteriormente sviluppato e affidato a figure nuove, di chiaro respiro internazionale, che con il loro impegno possano legare la prestigiosa Orchestra a circuiti musicali di altissimo prestigio – aggiungono i sindacati dello spettacolo nella nota -. I risultati sono stati raggiunti con i sacrifici dei lavoratori e lo sforzo di tutti nell’alveo di un percorso democratico e inclusivo: il commissariamento, oggi, ci appare più che mai un atto immotivato e un segno inopportuno”.

Categorie
cultura
Facebook

CORRELATI