guardia-finanza

Furbetti del cartellino a Palermo: “Un’offesa a chi lavora seriamente” / REAZIONI

Plauso all’operato della Guardia di Finanza e condanna e indignazione per quanto emerso in sede di indagine. Questo il filo conduttore delle reazioni sia politiche che istituzionali all’operazione “Timbro libera tutti” e che ha portato a 28 misure cautelari.

Il sindaco Leoluca Orlando – “Esprimo un forte apprezzamento al comando provinciale della Guardia di Finanza per l’operazione Timbro libera tutti. Che mette in luce uno spaccato di una realtà che grava sul corretto funzionamento dei servizi alla città. Per questo l’amministrazione comunale si costituirà parte civile”.

Mario Ridulfo, segretario generale Cgil Palermo – “Questi comportamenti illeciti offendono quanti lavorano onestamente per garantire la tenuta dei servizi pubblici e quanti sono alla ricerca di occasioni di lavoro. Un plauso al comando della Guardia di Finanza che con l’operazione Timbro liberi tutti ha smascherato una serie ripetuta di truffe ai danni del Comune e di comportamenti, dettati dal disprezzo delle regole, che vanno non solo stigmatizzati e censurati ma sanzionati. Le violazioni riscontrate dalle indagini, con pedinamenti e inquadrature su posto di lavoro, e le migliaia di ore di assenza registrate, svelano un malcostume reiterato, che mette in crisi il funzionamento corretto dei servizi alla città e offende i dipendenti del Comune che lavorano seriamente e quanti il lavoro lo cercano”.

FURBETTI DEL CARTELLINO AI “CANTIERI” DELLA ZISA: 28 MISURE CAUTELARI

TRAGEDIA A CARINI, LA PORTA DI CALCIO GLI FRANA IN TESTA: MORTO UN 12ENNE

ISS: “VARIANTE DELTA IN CRESCITA”. E LA SICILIA…

IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DELL’8 LUGLIO 2021

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI