Palermo, “furbetti” del vaccino: 15 denunce, avrebbero mentito per saltare la fila

Mentire per saltare la fila nelle primissime fasi della campagna di vaccinazione a Palermo. É quanto viene contestato a 15 persone da parte dei carabinieri del Nas, che ha presentato alla Procura di Palermo un primo rapporto e denunciato presunti “furbetti” del vaccino. A far scattare le indagini sarebbero state delle segnalazioni anonime pervenute ai militari dell’Arma.

Come riportato dal quotidiano “La Repubblica”, l’accusa è di truffa aggravata e falso: sarebbero riusciti a vaccinarsi a inizio gennaio (chi al Policlinico, chi a Villa delle Ginestre) pur non rientrando nelle categorie prioritarie di quella fase. I loro nomi sarebbero emersi passando al setaccio le liste dei vaccinati e analoga operazione a Palermo si sta svolgendo per quanto riguarda anche i punti di vaccinazione dell’Ingrassia, del Civico e del Cto.

Tra i casi segnalati alla Procura di Palermo ci sarebbe anche quello di un funzionario pubblico che si sarebbe finto dipendente universitario, mentre altri sostengono di aver ricevuto dosi che rischiavano di andare perse perché i convocati non si sarebbero presentati.

PALERMO “ROSSA” O “ARANCIONE”? OGGI LA REGIONE É CHIAMATA A DECIDERE

IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 21 APRILE 2021

COVID, BRUSCA IMPENNATA DI CONTAGI A CATANIA: CASI RADDOPPIATI

VACCINI, DA GIOVEDI’ TORNA IN SICILIA L’OPEN WEEK END

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI