Giorgia Meloni in Sicilia per abbracciare i politici passati con FdL

Una capatina in Sicilia, nel catanese, quella della leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, per ufficializzare il passaggio di alcuni politici con il partito sovranista, ma è anche il momento di sottolineare come non ci sia “una nuova maggioranza” visto che una norma in votazione al Senato, quella per la riduzione del numero dei parlamentari, è passata con i voti di FdL. Qualcuno ha già detto “ma come non era la Meloni che parla da oltre due anni di inciuci e di patti dal notaio, e adesso che fa vota con i 5stelle?”

Ma tant’è il ddl per il taglio del numero dei parlamentari è passato grazie ai voti meloniani “nonostante la riforma presenta molte lacune e criticità affatto risolte“.  E se lo dice il capogruppo di FdI al Senato Luca Ciriani, bisogna crederci.

“Se oggi il Senato ha detto sì al taglio dei parlamentari – ci tiene a precisare Giorgia Meloni – è grazie al sostegno fondamentale di Fratelli d’Italia. La maggioranza da sola non aveva i numeri in Aula: servivano 161 voti, ne ha espressi solo 159. Solamente grazie al voto di parte delle opposizioni il provvedimento è passato, e in particolare grazie al voto favorevole di Fratelli d’Italia. Ora chiediamo al M5S e alla Lega di dimostrare il nostro stesso buon senso e sostenere le proposte che FdI ha formulato sul piano costituzionale: l’elezione diretta del Presidente della Repubblica e l’abolizione dell’istituto ottocentesco dei senatori a vita”.

Se questo dovesse avvenire ci sarebbe una nuova maggioranza alias “inciucio”?

Intanto la Meloni torna in Sicilia. Dopo il patto dell’arancino, ritorna a Catania per accogliere il sindaco di Catania, Salvo Pogliese che, ricorderete, aveva preso la scusa della mancata candidatura dell’europarlamentare uscente (dal partito di Angelino Alfano mica da Forza Italia) Giovanni La Via, per andare via dagli azzurri perché in contrapposizione con il coordinatore regionale Gianfranco Miccichè.

Di “Arricchimento del partito di destra autenticamente sovranista” parla Carolina Varchi, parlamentare nazionale di FdI. “Il progetto politico credibile ed inclusivo di Fratelli d’Italia, fortemente voluto da Giorgia Meloni e confermato dallo straordinario risultato delle recenti elezioni europee, diventa sempre più attrattivo per tanti che si identificano e vogliono unirsi per creare un grande partito di destra autenticamente sovranista. L’arrivo di Salvo Pogliese, Basilio Catanoso e tanti altri amministratori – aggiunge – non può che arricchire Fratelli d’Italia in Sicilia. Per Pogliese come per Catanoso – conclude – si tratta di un ritorno alle origini che significa anche essere protagonisti di un processo di partecipazione politica, ascoltando i territori e andando oltre i partiti liquidi”.

Dice bene la parlamentare di Pogliese e Catanoso perché se la memoria ci sorregge si riproporrebbe la squadra di “Azione Giovani” che faceva capo ad Alleanza Nazionale.

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI