Giunta di Palermo, l’appello della Dc a Lagalla. “Faccia uno sforzo di democristianità”

Non c’è ancora la nuova giunta Comunale di Palermo – testimonianza che ancora non è stata trovata la quadra – e la nuova Democrazia Cristiana di Totò Cuffaro ufficializza una “garbata” richiesta al sindaco Lagalla, quella di uno “sforzo di democristianità”, cioè di prevedere in Giunta anche una rappresentanza dei partiti che non hanno superato la soglia del 5% e non hanno rappresentanza in Consiglio Comunale.

“La DC – dice una nota diffusa nella mattinata di lunedì – ritiene utile che il sindaco faccia uno sforzo di “democristianità” per tenere insieme tutta la coalizione, trovando il modo di far partecipare all’amministrazione della città anche i partiti che non hanno eletto consiglieri. La DC è sempre più convinta, infatti, che la coalizione unita è il valore da custodire. Dopo avere vinto a Palermo, se il sindaco riuscirà a tesaurizzare anche l’importanza che la coalizione ha avuto nella sua interezza nel raggiungimento del risultato, darà un grande contributo nel trovare le ragioni dello stare insieme alle prossime elezioni regionali. La DC crede altresì che, insieme al primo cittadino, tutti i partiti che hanno eletto i consiglieri dovranno fare la loro parte per contribuire a trovare una soluzione che trovi uno spazio di partecipazione per tutti.

ZONE FRANCHE MONTANE, DAGLI “STATI GENERALI” UNA RICHIESTA A MUSUMECI 

ARRESTATO UN CARABINIERE DI LICATA, ACCUSATO DI CHIEDERE SOLDI AL CAPOMAFIA BUGGEA

MAFIA: SEQUESTRO DI BENI PER 300 MILA EURO A SALVATORE ASSINNATA, BOSS DI PATERNÒ

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI