Green pass falsi venduti su Telegram, blitz da Catania: sequestrati due canali

La Procura Distrettuale di Catania ha disposto il sequestro preventivo di due canali Telegram in cui veniva proposta la vendita di Green pass falsi dietro pagamento di un corrispettivo in criptovaluta di 250 euro.

Le indagini sono state svolte dal Compartimento Polizia Postale di Catania, a seguito di segnalazione da parte della locale Digos, e hanno riguardato due canali Telegram denominati “Green Bypass 2.0” e “Vendita Green Pass autentico” in cui erano iscritti rispettivamente 5.200 e oltre 120 utenti.

Gli esperti della Polizia postale, oltre a verificare il contenuto dei canali, sono riusciti a identificare due persone partecipanti ai gruppi, nei confronti dei quali il pubblico ministero ha immediatamente disposto apposita perquisizione domiciliare e informatica. Gli investigatori hanno sequestrato smartphone e supporti informatici che saranno oggetto di apposita analisi al fine di confermare eventuali responsabilità.

Le indagini proseguono per la identificazione di altri partecipanti. Inoltre, contestualmente alle perquisizioni, la Procura Distrettuale ha emesso decreto di sequestro preventivo trasmesso dalla Polizia per l’esecuzione alla società Telegram che ha prontamente provveduto a oscurare i canali.

GREEN PASS, PRIMO GIORNO DI OBBLIGO PER I LAVORATORI: IN SICILIA 15 MILA TAMPONI IN UN GIORNO

CATANIA, BLITZ ANTIMAFIA CON 15 ARRESTI: SEQUESTRATA UNA CASA DISCOGRAFICA

PNRR, MUSUMECI INCONTRA I SINDACATI: “PRIMO PASSO VERSO UN PROTOCOLLO COMUNE”

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI