Green pass: verso l’obbligo per statali e categorie, niente certificato su bus e metro

La nuova fase del Green Pass prende forma e passa da due linee guida (almeno nelle intenzioni del governo): estendere l’obbligo a lavoratori statali e a svariate categorie di lavoratori anche nel privato, ma non più nell’ambito del trasporto pubblico locale come si era inizialmente ipotizzato.

Sul fronte del mondo del lavoro, il Consiglio dei Ministri cercherà di trovare la quadra nella prossima riunione – prevista giovedì – ma il nodo è quello dei tamponi: nonostante il pressing di alcune confederazioni, lo Stato non intende coprire il costo dei test (ad esclusione dei fragili) perché non vuole creare disincentivi alla vaccinazione.

Si ferma sul nascere invece l’ipotesi del green pass per il trasporto locale: secondo il ministro Giovannini la sua introduzione su autobus e metro non sarebbe gestibile. Si cercano dunque altre strade (come potenziamento dei servizi e maggiori controlli a terra contro gli assembramenti) oltre allo studio di una riforma strutturale del settore.

PEDOPORNOGRAFIA, ARRESTATO UN 35ENNE A MESSINA

IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 7 SETTEMBRE 2021

IL BOLLETTINO NAZIONALE DEL 7 SETTEMBRE 2021

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI