aricò favorevole al test antidroga facoltativo nelle scuole

Il “ballo delle candidature”, Aricò: “Prioritaria la rielezione di Musumeci alla Regione”

L’anno “elettorale” 2022 si è aperto come si era concluso il 2021, con dichiarazioni in ordine sparso che riguardano eventuali candidature per la poltrona di sindaco di Palermo o alleanze ancora da modellare in vista della elezione del nuovo Governatore. Una partita a scacchi fra i vari partiti e a volte anche all’interno degli stessi partiti, con tante candidature vere o “di facciata”.

Dopo un endorsment della Lega a favore della candidatura di Alessandro Aricò a sindaco di Palermo, interpretata da molti come una manovra indiretta per indebolire una possibile riconferma di Musumeci alla Regione (entrambi di DiventeràBellissima), è lo stesso Aricò – capogruppo all’Ars del Movimento di Musumeci – a prendere la parola.

“Per me e tutta DiventeràBellissima – scrive Aricò in una nota – è assolutamente fondamentale e prioritaria la riconferma di Nello Musumeci a presidente della Regione, sarebbe da irresponsabili interrompere il percorso di crescita e sviluppo della Sicilia intrapreso in questi anni. Nonostante il governo regionale abbia dovuto fare i conti con una pandemia globale ha ottenuto risultati indiscutibili, sia nella gestione dell’emergenza Covid-19 che in svariati altri settori, come nella spesa dei fondi comunitari e nelle infrastrutture”.

“Non è un caso – aggiunge Aricò – che recenti e accreditati sondaggi abbiano testimoniato come Musumeci per i siciliani sia il migliore candidato della coalizione di centrodestra, che grazie a lui viene data per vincente contro qualsiasi sfidante”.

Il nome di Aricò come possibile candidato di Diventerà Bellissima a sindaco di Palermo aveva ricevuto una “benedizione” anche nell’ultima direzione regionale di DiventeràBellissima

“Ciò mi lusinga, certamente mi farebbe piacere dare un contributo alla mia città – conclude il deputato -. Ribadisco che è nostra ferma volontà ricandidare Nello Musumeci alla guida della Regione con un centrodestra compatto, unitario e ancora una volta vincente”.

GRAVINA DI CATANIA, PROROGATA LA ZONA ARANCIONE

MAFIA, 38 ANNI FA L’ASSASSINIO DI PIPPO FAVA: “UN GRANDE ESEMPIO PER I GIOVANI”

SUPER GREEN PASS SULLO STRETTO, MUSUMECI: “RISCHIO PARALISI”

IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 5 GENNAIO 2022

I DATI ANALITICI DELLA SICILIA DEL 5 GENNAIO 2022

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI