Calcio e formazione: firmato il protocollo d’intesa fra Regione, SSD Palermo e USR

É stato firmato e presentato questa mattina, presso l’Assessorato all’Istruzione e alla Formazione professionale, un protocollo d’intesa con l’Ufficio Scolastico Regionale – MIUR e SSD Palermo Calcio e promosso dal Fondo Sociale Europeo. Il progetto mira a creare un network tra il mondo della scuola e quello del calcio professionistico, realizzando azioni dirette a contrastare fenomeni di discriminazione e a sostenere le associazioni impegnate in progetti dedicati a favorire il reinserimento sociale dei giovani a rischio emarginazione.

Il protocollo porta avanti il progetto Kick Off Giovani – La Regione Siciliana e il SSD Palermo per lo “Sport per tutti e non per pochi” che, già a partire da questa domenica e per i 6 mesi successivi, porterà allo Stadio Barbera gli studenti degli istituti scolastici aderenti all’iniziativa. Saranno organizzati eventi sportivi, giornate di incontro, mostre fotografiche e contest ai quali gli studenti potranno partecipare, grazie a SSD Palermo che metterà a disposizione l’organico della propria rosa, lo staff tecnico e dirigenziale anche per il coinvolgimento e la sensibilizzazione dei giovani in condizioni svantaggiate. Oltre agli studenti della classe IV della primaria fino al V anno della Scuola secondaria di secondo grado, saranno coinvolti anche i giovani dei reparti di lungodegenza P.O. “Giovanni di Cristina” dell’ARNAS Civico di Cristina Benfratelli.

Alla presentazione Hanno partecipato l’assessore Roberto Lagalla, l’amministratore delegato del Palermo, Rinaldo Sagramola, i giocatori Mattia Felici e Francesco Vaccaro e, in rappresentanza dell’USR, Giovanni Caramazza. “L’azione del governo Musumeci questa volta parla ai giovani attraverso lo sport – spiega l’assessore Lagalla – che ci permetterà di diffondere facilmente i valori della solidarietà, del rispetto e della condivisione. Grazie alla firma di questo protocollo, intendiamo incentivare il rapporto tra il sistema dell’istruzione ed il mondo agonistico, valorizzando lo sport come strumento dell’azione educativa per alimentare importanti processi di integrazione ed inclusione dei soggetti svantaggiati in età scolastica e a rischio emarginazione. Faremo questo grazie ad iniziative educative e formative, sviluppate in collaborazione con gli istituti scolastici che vorranno aderire”.

“Grazie all’impegno ed a una sana competizione si possono raggiungere ottimi risultati – dichiara Sagramola – attraverso questo protocollo con l’USR e la Regione Siciliana avremo la possibilità di portare la nostra testimonianza all’interno delle scuole siciliane e per noi non può che essere motivo di grande orgoglio”.

“Coinvolgeremo circa seicento studenti invitandoli allo stadio durante le partite – interviene Giovanni Caramazza – ed i giocatori avranno modo di dialogare direttamente con loro raggiungendoli in classe e organizzando iniziative ed appuntamenti settimanali. Sono certo che sarà per loro un momento molto positivo di confronto e di crescita educativa”.

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI