Il “caso sanità” approda all’Ars: prima la commissione, poi la mozione di censura

La sanità siciliana è nella bufera dopo che è venuta fuori la dichiarazione del dirigente generale dell’assessorato Mario La Rocca rilasciata via whatsapp ai manager delle aziende sanitarie e ospedaliere. Sono due i temi principali sl tavolo: la veridicità dei dati sulla disponibilità dei posti letto covid – soprattutto di terapia intensiva – comunicati al Ministero della Salute a inizio novembre e il ritardo (o peggio ancora la indisponibilità) da parte del sistema sanitario ad adeguarsi alle disposizioni del vertice dell’assessorato.

All’Assemblea regionale il tema sarà affrontato domani, martedì, in commissione salute e il giorno successivo in Aula per la mozione di censura nei confronti dell’assessore. E sarà una discussione vivace a giudicare dalle indicazioni di queste ore.

Nemmeno nella maggioranza il fronte sembra compatto e c’è più di una voce critica sull’operato dell’assessorato. La congruità della comunicazione al Ministero sarà anche oggetto di verifica da parte degli ispettori e dei Nas ma sul piano politico le domande che verranno poste all’assessore Ruggero Razza saranno molteplici.

Alla luce delle dichiarazioni di La Rocca c’è la sensazione di una Governance molto debole e sono venute a galla presunte, almeno per ora, frizioni con alcuni medici che sarebbero stati reticenti a seguire le disposizioni. Una vicenda che terrà altissima l’attenzione nei prossimi giorni e che sembra foriera di provvedimenti amministrativi e giudizi politici non banali.

Di sicuro il momento è delicato anche perchè è difficile fare valutazioni serene in un momento di piena emergenza ma – come ha chiesto questo giornale in modo chiaro – si dovrà procedere in tempi ragionevoli a fare piazza pulita di tutto ciò che ha ostacolato il corretto funzionamento di una macchina sanitaria che sta sbandando pericolosamente.

CATANIA, MAXI OPERAZIONE ANTIDROGA

CORONAVIRUS IN SICILIA, I DATI DELLA SETTIMANA

CORONAVIRUS, IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 22 NOVEMBRE

SANITA’ SICILIANA, L’ESIGENZA DI FARE PIAZZA PULITA

 

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI