sinagra, stabilizzati precari storici

Il Comune di Sinagra stabilizza 35 precari storici. Musca: “Giornata storica”

Dopo quasi trent’anni di precariato, con una delibera di Giunta, l’Amministrazione Comunale di Sinagra (Messina) ha completato il percorso di stabilizzazione e di trasformazione del contratto di lavoro (da tempo determinato a tempo indeterminato) per i 35 “storici” precari dell’ente Comune.

I lavoratori hanno sottoscritto un contratto a 24 ore settimanali. Il sindaco Nino Musca, durante la cerimonia, ha ripercorso l’iter che ha portato alla stabilizzazione, intrapreso dall’amministrazione Scarso, proseguito dall’amministrazione Maccora e definito dall’attuale amministrazione. Infine ha ringraziato l’assessore regionale agli Enti Locali, Bernadette Grasso, per aver indicato le linee guida affinché si arrivasse a tale risultato, specificando comunque che l’amministrazione avrebbe comunque chiuso l’iter della stabilizzazione dei precari facendo ricorso alla legge n. 27 del 2016.

“Abbiamo lavorato a questo obiettivo dal momento del nostro insediamento – afferma il sindaco Musca – è stato un percorso articolato e per nulla scontato, oggi siamo soddisfatti di giungere positivamente alla conclusione di quello che era uno degli obiettivi prioritari della mia amministrazione. Oggi è una giornata veramente “storica” per noi, per voi e per le vostre famiglie e sono felicissimo di condividere insieme a voi questo momento che può permettervi di lavorare con maggiori certezze e serenità”.

Nella Sala Consiliare dov’è avvenuta la firma definitiva dei contratti, oltre al sindaco Nino Musca erano presenti tutti i componenti della Giunta e del Consiglio Comunale, la segretaria comunale Carmela Stancampiano, i dirigenti dell’area Personale e Amministrativa Roberto Radici, dell’area Economico – Finanziaria Giuseppe Fazio, dell’area Lavori Pubblici Renato Cilona e dell’Area Patrimonio e Manutenzione Calogero Sirna. Significativa, inoltre, la presenza in sala degli ex sindaci Gaetano Scarso e Vincenza Maccora, invitati dall’amministrazione in carica.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI