gaetano armao istituisce commissione su debito della regione

Il disavanzo della Regione, l’assessore Armao istituisce una Commissione d’indagine

Come è possibile che il debito della Regione siciliana sia cresciuto così tanto negli ultimi anni? È questa la domanda che si sarà fatto in questi mesi l’assessore regionale all’Economia, Gaetano Armao, che da mesi è impegnato in un fitto colloquio con Roma per cercare soluzioni concrete.

Partendo da questa domanda, Armao ha deciso di istituire una Commissione d’indagine per precisare l’origine e la configurazione dei 2,1 miliardi di disavanzo maturato durante le precedenti legislature, che il governo Musumeci si è ritrovato a gestire con la conseguente difficoltà a riequilibrare i conti pubblici.

La Commissione d’indagine, i cui componenti sono esterni all’amministrazione, svolgeranno l’incarico a titolo gratuito, sarà coordinata da Giovanni Sapienza, già direttore generale del dipartimento del Bilancio e costituita da: Esmeralda Bucalo, docente di diritto costituzionale dell’Università di Palermo; Riccardo Compagnino, commercialista e da Raffaele Mazzeo, commercialista, esperto in controllo dei conti pubblici.

Compito della Commissione, come previsto nel decreto istitutivo, è quello di “accertare in tempi brevi le cause che hanno prodotto il disavanzo acclarato dalla Corte dei Conti con la sentenza 1/2019, l’effettiva configurazione e la composizione”. Sullo sfondo c’è, infatti, la sentenza del gennaio scorso della magistratura contabile (Sezioni riunite della Corte dei Conti in speciale composizione) che ha confermato l’entità del disavanzo già accertata dalla sezione siciliana della Corte dei Conti.

“Appena riceverò la relazione dalla commissione – precisa Armao – ne informerò il presidente della Regione, l’Assemblea regionale e la Corte dei Conti. Il disavanzo accertato al 2017 è diventato un ordigno ad orologeria che abbiamo, tuttavia, in gran parte disinnescato grazie all’accordo concluso il 22 dicembre scorso con lo Stato, che ci consente di spalmare 1,6 milioni di disavanzo in 30 anni. Nel frattempo, prosegue il negoziato con lo Stato per garantire, nonostante questa pesante eredità, gli equilibri di bilancio. Il Governo regionale è impegnato direttamente e da parte del Mef c’è ampia disponibilità”.

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI