ponte sullo stretto, esposto alla procura della corte dei conti per danno erariale

Il ministro Cingolani “stronca” il Ponte sullo Stretto: “Perplesso, io aspetterei”

“Il ponte sullo Stretto di Messina? Mi lascia perplesso”. A dirlo è il ministro per la Transizione Ecologica Roberto Cingolani intervistato nel corso di “The Breakfast Club” su Radio Capital sul tema del Recovery Plan (nell’ottica del quale anche la Regione Siciliana spinge per avviare l’iter dell’opera).

Cingolani sottolinea i motivi della sua perplessità sono essenzialmente due: “Da un lato c’è una situazione di sismicità critica, dall’altro lato penserei più a potenziare le infrastrutture fondamentali per Sicilia e Calabria. Per ora aspetterei, ma non ho studiato il progetto”.

E in generale sul Recovery dice: “Il 30 aprile verrà consegnato il programma all’Unione Europea. Ci sono in ballo grandi infrastrutture; dobbiamo lavorare molto sulla catena dei permessi. Se ci mettiamo anni a dare permessi, il rischio è che poi dovremmo restituire i soldi all’Europa”.

PALERMO VERSO LA ZONA ROSSA: LE PAROLE DI MUSUMECI

ORLANDO: “CHIESTE LE MISURE PIU’ RIGOROSE POSSIBILI”

I DATI ANALITICI DELLA SICILIA

IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 5 APRILE 2021

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI