Il Palermo calcio e i “vecchi” dipendenti, allarme della Slc Cgil: “No a esternalizzazioni”

“No a esternalizzazioni”. Il segretario regionale della Slc Cgil Maurizio Rosso ha commentato così la situazione che riguarda il destino dei dipendenti del “vecchio” Palermo calcio (la US Città di Palermo): sono 20 infatti i dipendenti ancora formalmente legati alla vecchia società, ma sono senza stipendio da mesi e non sono stati né riassorbiti né contattati dalla nuova società.

Maurizio Rosso afferma: “Tutti fra sindaco e nuova società hanno promesso il rispetto della clausola sociale per i vecchi dipendenti. Noi ribadiamo il nostro no alle esternalizzazioni, ma siamo molto preoccupati. Comprendiamo che in Serie D non tutti i lavoratori possono essere riassorbiti contemporaneamente, ma chiediamo un piano serio per il rispetto degli accordi”.

E aggiunge: “Chiediamo un accordo che preveda l’obbligo di attingere al bacino dei dipendenti della vecchia proprietà di volta in volta che si sale di categoria. Oggi siamo molto preoccupati che possano esserci esternalizzazioni mascherate e noi come sindacato saremo feroci contro questa pratica”.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI