Il sindaco di Lampedusa sul killer di Nizza: “Le autorità riflettano sui flussi migratori”

“L’attentato di Nizza è un attentato all’Europa. Le notizie di stampa sul percorso fatto dall’attentatore prima di arrivare in Francia confermano che l’intero meccanismo di gestione dei flussi migratori ha bisogno di regole condivise a livello comunitario, ed evidentemente di controlli più approfonditi”. Lo afferma il sindaco di Lampedusa Totò Martello, dopo che è emerso che l’attentatore sarebbe arrivato in Europa passando dal Centro di accoglienza di Lampedusa.

Martello sottolinea che “l’Amministrazione comunale dell’isola non ha nessun ruolo nella gestione del Centro” e afferma: “Le autorità competenti stanno verificando i passaggi, in ogni caso si tratta di una vicenda che deve portare le Istituzioni italiane e Comunitarie a riflettere profondamente su quello che è accaduto, e sulla necessità di affrontare in un modo diverso la gestione dei flussi migratori. L’ho ripetuto più volte, e continuo a dirlo: non si può scaricare sui territori di frontiera tutto il peso dell’accoglienza”.

“Allo stesso tempo – ha detto ancora – è sbagliato dare fiato a generalizzazioni sui ‘migranti’ o sull’ ‘Islam’: chi ha compiuto le atrocità a Nizza è un terrorista probabilmente ispirato ad un ‘islamismo fascista’ che è espressione di un estremismo che non può e non deve essere associato all’intera comunità islamica”. Il sindaco conclude: “Lampedusa non può essere accusata di nulla, sarebbe un grave e pericoloso errore raccontare questa vicenda con semplificazioni che rischiano di spazzare via l’impegno e i sacrifici della nostra comunità sul fronte umanitario”.

MUSUMECI E IL DDL: “NESSUNO QUI VUOL RIAPRIRE SUBITO”

BOLZANO FA DIETROFRONT. E CRACOLICI “PUNGE” MUSUMECI

IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 29 OTTOBRE 2020

IL BOLLETTINO NAZIONALE DEL 29 OTTOBRE 2020

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI