Immigrazione irregolare, Donato (Lega): “Non si può replicare il disastro di Conte”

Francesca Donato, eurodeputata della Lega Salvini Premier, ha commentato gli ulteriori sbarchi di migranti a Lampedusa, criticando il modello dei “ponti aperti”.

“A fronte dello sbarco di oltre 2000 persone in 24 ore solo a Lampedusa – afferma – le uniche certezze sono che l’Unione Europea non farà nulla e che non è più sostenibile sotto alcun profilo – né economico, né sociale – il modello di porti aperti agli scafisti del governo Conte con i conseguenti numeri ingestibili di immigrati clandestini a carico del nostro Paese”.

“Come l’esperienza dovrebbe averci ormai insegnato – continua Donato – dall’Ue non possiamo aspettarci alcuna soluzione o aiuto sul fronte immigrazione. È dunque fondamentale ed indifferibile che il governo Draghi affronti prontamente l’ennesima emergenza migranti con un approccio rigoroso e sostenibile, non più ipocritamente ‘distratto’ come in passato”.

Per la parlamentare leghista a Bruxelles “in gioco ci sono troppi delicati aspetti: dalla prospettiva di ripartenza turistica di Lampedusa e dell’intera Sicilia, alla sicurezza sanitaria e sociale fino ad arrivare alla lotta alla criminalità. Non ultimo, il problema dell’imponente fardello dei costi della gestione dell’accoglienza, che tra navi-quarantena, pratiche amministrative, hotspot e assistenza varia ha assunto dimensioni gigantesche: costi coperti a suon di nuove tasse o tagli per i servizi ai cittadini”.

Il percorso di contenimento degli sbarchi e di regolamentazione dei flussi, iniziato dagli ex ministri dell’interno Minniti e Salvini, va ripreso e implementato per riportare le politiche migratorie nell’alveo della legalità e della sostenibilità” conclude l’esponente della Lega.

VACCINI, A PALERMO VIA ALLE PRENOTAZIONI PER I 16-59 ANNI CON LIEVI PATOLOGIE

L’EUROPA VOLTA LE SPALLE AD ASTRAZENECA

COVID, SILERI: “ECCO QUANDO NON SARÀ NECESSARIA LA MASCHERINA ALL’APERTO” 

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI