Incendi, la Regione insedia il tavolo di crisi: verrà proclamato lo stato di calamità

Il tavolo di crisi, voluto dal presidente della Regione Siciliana Musumeci, relativo agli incendi che hanno colpito un’area del comprensorio palermitano a fine agosto si è insediato questa mattina.

L’insediamento del gruppo di lavoro era propedeutico alla proclamazione dello stato di calamità da parte del governo regionale e alla successiva richiesta a Roma della dichiarazione dello stato di emergenza. In questi giorni, i dipartimenti coinvolti hanno già proceduto a una prima quantificazione della stima dei danni che, insieme ai dati delle altre province dell’Isola, verranno trasmessi alla Giunta regionale per l’approvazione della relativa delibera.

A presiedere la riunione, l’assessore all’Ambiente Toto Cordaro. Presenti all’incontro, nella sede dell’assessorato, i sindaci dei cinque Comuni coinvolti (Altofonte, Monreale, Piana degli Albanesi, Santa Cristina Gela e San Giuseppe Jato) e i dirigenti generali di quattro dipartimenti della Regione: Sviluppo rurale, Agricoltura, Corpo forestale e Protezione civile, oltre al responsabile dell’Ufficio contro il dissesto idrogeologico.

Proprio il giorno successivo ai roghi, Musumeci e Cordaro si erano recati nel Bosco della Moarda ad Altofonte, il Comune più colpito con oltre 900 ettari di vegetazione andati in fumo, per testimoniare la vicinanza dell’amministrazione regionale ai cittadini del territorio. Entro domani, giovedì, verranno completati da parte della Protezione civile regionale i sopralluoghi nelle aree indicati dai primi cittadini per individuare gli interventi di messa in sicurezza immediata delle zone, prevenendo così eventuali fenomeni di erosione dovuti alle piogge. Subito dopo partiranno i lavori di somma urgenza. La seconda fase prevede l’avvio delle opere definitive a tutela dei centri abitati, con la realizzazione di rete paramassi, da parte dell’Ufficio contro il dissesto idrogeologico.

CORONAVIRUS, SITUAZIONE DELICATA IN MOLTI COMUNI DELLA SICILIA

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI