Incendi nel palermitano e nel catanese

Una domenica di roghi in Sicilia. Su vaste zone dell’Etna si sono sviluppati diversi focolai spenti dai Vigili del fuoco. Nelle stesse zone non sono potute intervenire le squadre antincendio della Forestale in quanto non munite ancora dei DPI, i dispositivi di protezione incendi. I roghi hanno messo in pericolo i vigneti attorno all’Etna che producono dei vini esportati in tutto il mondo.

Il sindaco di Castiglione di Sicilia, Antonio Camarda ha sollecitato tutti i presidi di zona ad intervenire per scongiurare che i vigneti andassero in fumo. “L’estate è arrivata – ha detto Camarda – e occorre coordinare un piano di interventi adeguato a fronteggiare gli incendi. Ci sono a rischio boschi ma anche i vigneti che producono vini Dell’Etna esportati in tutto il mondo. Anche la Regione si adoperi per dotare la Forestale e gli operai stagionali di tutto quello che serve per prevenire ed affrontare gli incendi”

In mattinata alcune squadre dei vigili del fuoco erano intervenute per circoscrive un incendio di macchia mediterranea in contrada Bevuto, a Termini Imerese (Pa). A Palermo invece sono divampati roghi di rifiuti e sterpaglie nel quartiere di Borgo Nuovo e allo Zen.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI