Inchiesta sui dati Covid della Sicilia, modificata l’accusa per Di Liberti: “Morti ininfluenti”

La Procura di Palermo ha modificato il capo di imputazione per la dirigente dell’assessorato regionale alla Salute Maria Letizia Di Liberti, coinvolta nell’inchiesta sulla presunta falsificazione dei dati Covid della Sicilia (che ha portato anche alle dimissioni dell’assessore Ruggero Razza).

I pm di Trapani l’hanno iscritta nel registro degli indagati per falso, ma dopo la trasmissione degli atti a Palermo i pm del capoluogo siciliano hanno eliminato la parte relativa a presunte false dichiarazioni sui decessi. 

Secondo la Procura di Palermo (che ha oggi ha ascoltato proprio la Di Liberti in merito alla vicenda) il numero dei morti – al contrario di quello dei positivi- non inciderebbe nella decisione sulle fasce di colore. Anche se il dato fosse sbagliato non avrebbe dunque rilievo penale.

ALTRE SEI ZONE ROSSE IN SICILIA

IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 15 APRILE 2021:

IL BOLLETTINO NAZIONALE DEL 15 APRILE 2021

LA SANITA’ SICILIANA? PER GESTIRLA BASTANO I RITAGLI DI TEMPO…

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI