Il progetto “Io, Giovane Attore”: prevenire la ludopatia attraverso la magia del teatro

Parte “Io, Giovane Attore, Campagna di prevenzione delle ludopatie”, un progetto che l’Associazione “Elementi” promuove nell’ambito di un intervento di prevenzione e contrasto dei problemi legati alle dipendenze, tra cui anche la ludopatia. Il teatro e la formazione sono gli strumenti attraverso i quali saranno stimolati socializzazione e creatività, rafforzando gli elementi di coesione sociale che rendono più difficile sviluppare la ludopatia.

Si tratta di un percorso di 9 mesi, rivolto a studenti, genitori ed insegnanti degli istituti scolastici di Bagheria, di Carini e di Isola delle Femmine, con la collaborazione di 2 Osservatori di area di “ Distretto 3-4 e del Distretto 8”, istituiti per affrontare i fenomeni di dispersione scolastica e di disagio socio-educativo nei territori, insieme all’Unità Operativa di Educazione alla salute degli Ospedali riuniti di Villa Sofia e Cervello di Palermo. con il Comune di Palermo e il Dipartimento di Scienze Psicologiche, Pedagogiche, dell’Esercizio fisico e della Formazione Università di Palermo come partner.

“Siamo partiti, almeno 5 anni fa, dalla necessità di utilizzare la cultura per prevenire e favorire la crescita della nostra società. Ci siamo così confrontati con la dott.ssa Francesca Picone, studiosa del gioco di azzardo e delle ludopatie. Ci sembrava perfetto – spiega Amelia Bucalo Triglia, presidente dell’associazione “Elementi” – cominciare a lavorare a partire dall’esperienza del Teatro del Fuoco, nel quale proponevamo discipline diverse, procedendo sempre a piccoli passi. Il progetto attuale ha un corso questa volta più significativo perché, grazie a un finanziamento più consistente, durerà nove mesi e attuerà un percorso formativo rivolto a insegnanti e genitori, comunità educanti, stimolando la fantasia e l’immaginazione dei bambini delle elementari di territori come Carini, Isola delle Femmine e Bagheria con le relative istituzioni”.

Il progetto coinvolgerà bambini della scuola primaria, insegnanti e genitori attraverso un percorso che svilupperà abilità funzionali al miglioramento della qualità della vita dei ragazzi. Lo si farà attraverso un percorso teatrale articolato e strutturato in varie fasi, che stimolerà alla socializzazione e creatività. In ogni incontro, della durata di due ore ciascuno, si proporranno “giochi” che hanno lo scopo di stimolare le capacità coordinative del corpo e della mente, veicolando verso forme potenzialmente creative le emozioni del bambino.

Il laboratorio si basa sul riconoscimento delle potenzialità creative degli allievi tramite un’esperienza di ricerca sulla improvvisazione guidata, nel tentativo di “costruire” dei percorsi di esplorazione del linguaggio verbale e del corpo, stimolando la fantasia e l’immaginazione, il senso di sicurezza e di padronanza della propria fisicità in relazione allo spazio. Ciò porterà il bambino a esprimere liberamente, senza restrizioni o controlli inibitori, le proprie tensioni emotive.

Importanti, da questo punto di vista, sono i giochi, utilizzati per stimolare il controllo delle proprie emozioni primarie da parte degli allievi – rabbia, tristezza, sorpresa, disgusto, interesse, paura – canalizzate verso forme espressive positive. All’interno dei momenti ludici, gli allievi dimostrano il rispetto delle “regole” e, attraverso il confronto con le esperienze altrui, una rinuncia ad alcune esigenze individuali a favore del gruppo. Il gioco della rappresentazione “teatrale”, quindi, assolve una doppia funzione educativa: quella catartica e quella cognitiva. Durante le attività laboratoriali verranno effettuate anche delle riprese video che diventeranno il prodotto finale del progetto.

Le attività si svolgeranno con l’obiettivo di:
· focalizzare l’attenzione sul tempo libero dei ragazzi, rafforzando le buone “pratiche di tempo libero”;
· informare sulla dipendenza da ludopatia;
· nutrire le relazioni già esistenti tra i ragazzi e far si che possano sperimentare dei momenti di socializzazione positiva, rafforzando allo stesso tempo la rete sociale di sostegno nei momenti difficili per evitare di metterli a rischio ed esporli alla ludopatia;
· informare i docenti sui rischi della ludopatia, dando loro degli strumenti per poter segnalare situazioni a rischio;
· fornire ai docenti alcuni strumenti per prevenire situazioni di fragilità e fare in modo che il bagaglio culturale possa essere utilizzato anche alla fine del progetto;
· garantire ascolto, orientamento e supporto psicologico ai soggetti a rischio o con problematiche legate alla ludopatia.

I Percorsi formativi sono condotti dal Dottor Giuseppe Maniaci, PhD Psicologo Specialista in Psicologia Clinica e Psicoterapeuta, Dottore di Ricerca in Neuroscienze e Disturbi del Comportamento. UOC di Psichiatria, Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico “P. Giaccone”, Professore di Psicologia Clinica e Psicologia Generale Dipartimento di Biomedicina, Neuroscienze e Diagnostica Avanzata (BIND) dell’Università degli Studi di Palermo e da rappresentanti del Dipartimento di Scienze Psicologiche, Pedagogiche, dell’Esercizio fisico e della Formazione dell’Università di Palermo; dal Dott. Salvo Siciliano responsabile aziendale delle Attività di Educazione alla Salute Villa Sofia – Cervello Palermo, Azienda Ospedaliera Villa Sofia – Cervello.
Sino al 30 giugno il progetto proseguirà con laboratori di prevenzione dedicati settimanalmente ai bambini della 4^ e 5 ^ elementare per far loro sviluppare un cambiamento di comportamento ed il desiderio di socializzazione e attraverso la pratica di attività che valorizzano le loro concrete abilità creative.

Tra aprile e giugno sarà diffusa la campagna di comunicazione attraverso i siti web di tutti i partner del progetto, i media di affissione esterna, i social network, e saranno distribuiti materiali informativi per gli studenti degli Istituti partner.
– Tra il 26 e il 31 luglio 2021 tutti i bambini che avranno partecipato ai laboratori di Bagheria e Carini si riuniranno a Palermo per la preparazione della rappresentazione finale e la realizzazione del video nei quali saranno coinvolti attivamente. Sarà l’occasione per presentare pubblicamente il risultato di questo progetto. Il montaggio del video, inoltre, diventerà uno stimolo efficace per attivare contenuti e immagini, creando allo stesso tempo uno spazio di relazione in cui ci si ritrova e ci si racconta. Accompagnerà questa ultima fase anche la distribuzione di materiale informativo sui rischi connessi ai Giochi d’azzardo.

All’inizio del nuovo anno scolastico, tra il 15 settembre e il 10 Ottobre 2021 sarà organizzata la proiezione video dell’attività nell’ambito di un momento pubblico aperto a scuole, famiglie e città. Durante questo evento verrà proiettato pure il corto “Nativi Digitali”, dando il via a un dibattito che tragga ispirazione sulle risonanze emotive e affettive sollecitate. Si partirà dall’elaborazione dei vissuti emersi durante la proiezione e dall’individuazione delle tematiche maggiormente presenti per avviare una riflessione collettiva. Durante l’incontro verranno, infine, riscoperti il gioco di socializzazione e le attività ludiche ricreative utilizzate nel corso di tutto il progetto.

La proiezione sarà effettuata in un Istituto di Bagheria ed un Istituto di Carini e parteciperanno i rappresentanti dei partner, famiglie, cittadini.
Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
Assessorato Regionale della Famiglia, delle Politiche Sociali, del Lavoro – Regione Sicilia
Comune Palermo
Comune Palermo Assessorato Attività Sociali,
Garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza
Azienda Ospedaliera ospedali Riuniti Villa Sofia – Cervello
Università di Palermo Dipartimento di Scienze Psicologiche, Pedagogiche, dell’Esercizio fisico e della Formazione
Comune di Carini
Ics. Istituto I. Buttitta Bagheria
Istituto DD Cirrincione di Bagheria
Istituto Comprensivo IV ASPRA di Aspra
Istituto Comprensivo Aiello di Bagheria
Istituto 1 Circolo Bagnera di Bagheria
Istituto G. D’Alessandro di Bagheria
Istituto Pirandello di Bagheria
Osservatori Dispersione Scolastica di Area Distretto 3-4 Bagheria e Distretto 8
Istituto Giovanni Falcone di Carini
Istituto Comprensivo Riso di Isola delle Femmine
Istituto Carini Calderone-Torretta
Istituto Laura Lanza di Carini
Associazioni: Il Genio di Palermo, Pergamo, Panagiotis.
Progetto dell’Associazione Elementi APS

“Contributo concesso con le risorse del fondo nazionale per le politiche sociali art. 72-73 del codice del terzo settore annualità 2017” e “Avviso Prevenzione e contrasto della ludopatia – Progetto Io, Giovane Attore, Campagna di prevenzione alla ludopatia”.

SMARTPORT, L’AUTORITÀ DI SISTEMA DELLA SICILIA OCCIDENTALE PRONTA ALLA SFIDA DEL RECOVERY FUND

DATI SICILIA COVID, ORA É FARSA: “C’È STATO UN ERRORE”

IL BOLLETTINO NAZIONALE DEL 31 MARZO 2021

SCANDALO COVID, VENERDI’ I PRIMI INTERROGATORI

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI