Autonomia differenziata, Aricò e Savarino (DB): "Conte deve garantire l'unità d'Italia"

Istituto superiore di giornalismo di Palermo, Aricò (DB): “Pagare gli arretrati ai dipendenti”

“Il processo di liquidazione dell’Istituto superiore di giornalismo di Palermo deve essere attivato in maniera celere e adeguata, e i dipendenti dovrebbero essere garantiti sia con il pagamento degli arretrati che con un’eventuale ricollocazione lavorativa”.

Lo afferma Alessandro Aricò, capogruppo all’Ars di DiventeràBellissima, con un’interrogazione rivolta all’assessore regionale all’Istruzione e alla Formazione professionale, sottolineando che “persiste lo stato di agitazione dei dipendenti che non percepiscono emolumenti da circa venti mesi e temono seriamente per il loro futuro e quello delle loro famiglie”.

Il capogruppo di DiventeràBellissima aggiunge: “Il 19 marzo 2019, dopo 65 anni di attività, l’Istituto Superiore di Giornalismo di Palermo è stato chiuso tramite un decreto regionale di ‘estinzione della Fondazione’. Tuttavia, ambedue i commissari liquidatori nominati dall’assessorato all’Istruzione, l’avvocato Guglielmo Nicastro e il dott. Fabrizio Escheri, hanno immediatamente rassegnato le dimissioni dall’incarico”.

Infine, Aricò sottolinea: “Negli ultimi anni, così come più volte denunciato dai dipendenti, l’Istituto ha vissuto momenti bui a causa di un’amministrazione poco trasparente. Oggi la triste realtà: chiude i battenti e i dipendenti attendono le spettanze di 20 mensilità e attualmente si trovano negli uffici di via Briuccia che, come si evince dal decreto, è oggetto di sfratto”.

Da qui, appunto, l’interrogazione di Aricò all’assessore Roberto Lagalla per conoscere quali iniziative intenda adottare per procedere celermente alla liquidazione dell’Istituto e garantire i diritti dei dipendenti.

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI