italtel carini sciopero lunedì 29 gennaio

Italtel, Fiom Cgil Palermo: “Ci aspettiamo il rilancio produttivo del sito di Carini”

Parte la nuova Italtel e la Fiom Cgil Palermo attende adesso il rilancio del sito di Carini, lo storico comprensorio industriale “Marisa Bellisario” dove operano 175 dei 1000 e più lavoratori Italtel delle tre sedi italiane (circa 600 sono a Milano e 250 a Roma). Un sito, quello palermitano, in questi anni fortemente penalizzato con tante fuoriuscite e nessuna assunzione.

Lunedì il consiglio di amministrazione di Italtel ha nominato il nuovo ad, Benedetto Di Salvo, manager delle telecomunicazioni e dell’Information Techonology, dando l’avvio al nuovo corso della multinazionale dell’Information & Communication Technology, che progetta e realizza servizi per l’informazione digitale, con un azionariato formato per il 54 per cento dal gruppo PSC, per il 28 per cento dal Fondo Clessidra Capital Credit e per il 18 per cento dal Gruppo Tim.

La Fiom Cgil auspica che, con la riorganizzazione in corso, possa essere la volta buona, dopo anni di disattenzione nei confronti del sito di Palermo, per procedere a integrazioni di personale e a nuovo impulso per le attività del sito.

“La storica e colpevole mancanza di attenzione nei confronti della sede di Carini – dichiarano per la Fiom Cgil Palermo il segretario generale Francesco Foti e il segretario Rosario Tomaselli, assieme a Filippo Lupo, Rsu Fiom di Italtet – è testimoniata dal fatto che da ben più di 10 anni a questa parte solo tre persone sono state assunte, due nel 2020 e una nel 2021, a fronte di più di 60 uscite. Un blocco del turnover che comporta oggi che circa il 60 per cento dei lavoratori si colloca nella fascia di età tra i 50 e i 60 anni, mentre solo un misero 2 per cento ha meno di 40 anni. Parallelamente, circa il 65 per cento dei lavoratori di Carini ha un’anzianità di servizio superiore ai 30 anni e meno del 5 per cento ha un’anzianità inferiore ai 20”.

Una situazione allarmante, per una sede che vanta un notevole bagaglio di esperienza e competenza e al cui interno operano progettisti specializzati nello sviluppo di reti multimediali, di applicazioni innovative, con ruoli che vanno dall’offering al marketing, dall’assistenza tecnica all’ingegneria, fino al project management per il 5G e i Fixed Wireless Access per la BUL. A Carini, in particolare, è presente un forte nucleo di progettisti software.

“Oltre al mancato turnover e al progressivo ‘invecchiamento’ del personale, quello che blocca lo sviluppo della sede di Carini è anche l’eccessiva dipendenza gerarchica e funzionale dalla casa madre – aggiungono Foti, Tomaselli e Lupo – Con le professionalità presenti, il sito sarebbe in grado di lavorare con maggiore autonomia, con mandati specifici che potrebbero anche portare un effetto virtuoso per il consolidamento e lo sviluppo del comprensorio”.

“Senza contare la possibilità di riqualificare quella parte di personale che l’azienda considera invece, sbagliando, non riconvertibile, e che tiene confinata in un reparto di parcheggio, in cui i lavoratori vengono umiliati non ricevendo alcun incarico”.

COVID IN SICILIA, NUOVI POSITIVI ANCORA IN CALO MA AUMENTANO I RICOVERI: IL REPORT SETTIMANALE

COVID, SPERANZA: “L’EMERGENZA È FINITA MA NON LA PANDEMIA. MASCHERINE FONDAMENTALI”

CATANIA, LASCIA IN STRADA WURSTEL CON CHIODI PER UCCIDERE I CANI: DENUNCIATO UN SESSANTENNE

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI