La Cgil al fianco delle associazioni antimafia: “No al taglio dei finanziamenti”

La Cgil, con il segretario di Palermo Enzo Campo, critica il Governo regionale per il taglio dei finanziamenti previsto nei confronti del centro Pio La Torre e di altre associazioni impegnate nel campo dell’educazione alla legalità.

“Anche quest’anno – dice Campo – assistiamo con disapprovazione alla scelta del governo regionale di distribuire a pioggia i finanziamenti della ex tabella H penalizzando le associazioni impegnate nella promozione della cultura della legalità e dell’antimafia, dalle attività pubblicamente note, a beneficio di tante altre realtà associative che non hanno subito tagli della stessa entità rispetto alle attività e iniziative svolte”.

“Pur consapevoli del fatto che il budget della tabella H sia ridotto – aggiunge – ancora una volta non si riscontra la necessaria chiarezza e trasparenza nei criteri di accesso alla graduatoria e di erogazione dei contributi. Pensiamo che in una terra come la Sicilia, e in una realtà come quella palermitana, la tutela delle associazioni impegnate sul fronte dell’antimafia, che svolgono attività pubblicamente riconosciute, come quelle con la partecipazione del mondo della scuola, dovrebbe essere una priorità per tutti, a partire dal governo di questa Regione”.

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI