La Lega espelle Rizzotto che dice: “L’ho lasciata io”. Candiani al contrattacco

Il deputato regionale Tony Rizzotto è stato espulso dalla Lega di Salvini con un provvedimento immediato del commissario Candiani. Lo annuncia una nota diramata dalle agenzie, peccato che arriva 24 ore dopo che lo stesso deputato avesse annunciato la sua fuoriuscita dal carroccio per aderire a “Ora Sicilia”, il neo gruppo parlamentare formatosi all’Ars.

“Ho aderito al gruppo parlamentare dell’Ars ‘Ora Sicilia’ – dice Rizzotto – e ieri ho comunicato che lasciavo la Lega mentre  stamattina leggo che se ne sono stato espulso… e vabbè, ne prendo atto”.

Rizzotto era l’unico deputato eletto al parlamento siciliano nella lista Noi con Salvini-Fdi e iscritto al gruppo misto dell’Ars. Ieri ha comunicato di aderire al neo gruppo del giovane Luigi Genovese di cui fanno parte anche le deputate Daniela Ternullo e Luisa Lantieri.

A Candiani, non va giù l’uscita dalla Lega dell’unico parlamentare regionale e passa al contrattacco e in una nota definisce “inconsistente” l’attività di Rizzotto.

“In considerazione della sostanziale inconsistenza dell’attività parlamentare svolta in rappresentanza della Lega Sicilia all’interno dell’Assemblea regionale dall’inizio della legislatura e in ragione della sua successiva adesione non autorizzata al gruppo regionale ‘Ora Sicilia’, risultando tali condotte incompatibili con l’appartenenza al partito Lega Salvini Sicilia. Tony Rizzotto quindi non rappresenta più la Lega nè all’interno dell’Ars nè in ogni altro contesto”.

Ma il commissario di Salvini in Sicilia va ancora duro sul deputato regionale: “Rizzotto – scrive – ha gettato la maschera aderendo ad un partito che ospita solo transfughi e che nulla può avere a che fare con la Lega. ‘Ora Sicilia’ con Luigi Genovese è quanto di più lontano possa esserci dalla Lega Salvini Sicilia. In Sicilia stiamo lavorando per portare buonsenso e trasparenza non ci servono amministratori con una storia politica segnata da tanti punti interrogativi o che cambiano casacca per meri tornaconti personali. La Lega non è interessata alle poltrone, ma a programmi politici credibili, che rispondano alle esigenze del territorio, non ci servono politici opportunisti che in un anno e mezzo di legislatura hanno prodotto appena 15 atti. In questo percorso di rinnovamento della Lega Sicilia non c’è posto per deputati politicamente inconcludenti e inaffidabili”.

Questa la nota in cui spicca la frase che deve fare riflettere: ”non ci servono amministratori con una storia politica segnata da tanti punti interrogativi o che cambiano casacca per meri tornaconti personali”.

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI