Migranti, doppio sbarco: “Alan Kurdi” al porto di Messina, “Ocean Viking” a Pozzallo

Le operazioni di sbarco dalla Nave Alan Kurdi di 61 migranti soccorsi nei giorni scorsi nel Mediterraneo sono iniziate stamane al molo Norimberga del porto di Messina. I profughi, di diverse nazionalità, verranno portati al centro di prima accoglienza di Messina e poi smistati in vari paesi europei in base agli accordi sul ricollocamento.

Nel frattempo anche la nave Ocean Viking dell’ong ‘Sos Mediterranée’ ha attraccato al porto di Pozzallo, dove a sbarcare sono 60 migranti recuperati a circa 60 miglia nautiche dalla Libia: tra di loro anche un neonato di 3 mesi con il fratellino di 3 anni.

La nave della Ong tedesca Sea Eye invece è stata dirottata a Messina perché ritenuto il porto sicuro più vicino, dopo che nel tardo pomeriggio aveva deciso di fare rotta verso Palermo a seguito di un appello del comandante della nave al sindaco Leoluca Orlando per aprire il porto della città.

Orlando in un tweet (scritto in tedesco) aveva risposto: “Palermo è una città accogliente e il suo porto deve essere aperto. Chiedo al presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte di intervenire per garantire lo sbarco immediato di migranti in emergenza a Palermo”. Poi la decisione da parte delle autorità di dirottare la nave verso Messina.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI