decine di arresti nel quartiere brancaccio

La sfruttavano, lei li denuncia: sgominato un clan di nigeriani a Palermo

Si chiama No Fly Zone l’ultima operazione  di polizia portata avanti dalla Direzione Distrettuale Antimafia per smantellare un clan nigeriano, denominato “Eiye”, ramificato su tutto il territorio nazionale. Sono 19 gli indagati nell’operazione, 17 i fermi disposti dalla direzione distrettuale antimafia (7 dei quali già eseguiti).

Le accuse sono di associazione a delinquere di stampo mafioso, come dimostrano le indagini della Squadra Mobile di Palermo, che si sono avvalse di attività tecniche e soprattutto delle dichiarazioni di due collaboratori tra la comunità nigeriana. Uno dei due, il 9 settembre, in via delle Case Nuove nel mercato Ballarò, veniva aggredito da alcuni connazionali e ferito. Uno degli amici dell’aggredito ha raccontato subito agli agenti che l’aggressione era stata organizzata dalla mafia nigeriana.

L’attività investigativa ha preso spunto anche dalla denuncia di una ragazza nigeriana vittima di tratta e di sfruttamento della prostituzione, che ha fornito agli agenti significativi elementi in ordine all’appartenenza agli Eiye del suo sfruttatore. Gli investigatori hanno individuato la casa di appuntamenti all’interno del quartiere storico di Ballarò ed avviato una capillare attività che ha consentito di ricostruire l’organigramma dell’associazione a livello locale, fino a giungere all’identificazione dei suoi vertici.

Nel corso delle indagini sono stati documentati numerosi episodi violenti riconducibili al clan e alla sua capacità di imporsi sul territorio, nonché diverse attività illecite connesse allo spaccio di stupefacenti, in particolare crack ed eroina, e alla prostituzione, principalmente localizzate nel quartiere Ballarò di Palermo.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI