sicindustria

L’allarme di Sicindustria: “Ristorazione in ginocchio, nessuna traccia dei contributi”

Sicindustria lancia l’allarme per il settore della ristorazione. L’associazione Industriali raccoglie e rilancia l’SOS della Sezione Agroalimentare di Palermo, guidata da Annibale Chiriaco, e solleva un tema che vede insieme tutte le filiere produttive collegate al settore HoReCa, Hotel, Restaurant, Caffè: “Le imprese della ristorazione sono paralizzate, tutta la filiera a valle è al collasso. E non c’è traccia dei contributi promessi col Decreto Ristori. Annunciati per il 15 novembre, i contributi promessi alle imprese non sono ancora arrivati”.

Già nei giorni scorsi Chiriaco aveva denunciato che “si assiste a un’emergenza senza precedenti tra il crollo degli ordini e il dramma delle microimprese della filiera produttiva e di distribuzione agroalimentare che oggi si trovano di fronte al rischio di chiusura”. E c’è di più: all’indomani dell’uscita del Decreto cosiddetto Ristori Ter, il mondo produttivo sta facendo i conti con tutte le falle dei decreti Ristori e Ristori Bis, che garantiscono alcuni settori produttivi e di distribuzione, ma lasciano fuori la stragrande maggioranza delle filiere.

“In un momento così critico per il Paese – conclude Alessandro Albanese, vicepresidente vicario di Sicindustria – è fondamentale che il Governo affronti il tema dei ristori in maniera completa e che tuteli tutte le realtà produttive locali per ora soffrono sotto i colpi straordinari dalle ultime restrizioni”.

FIERE, TURANO RASSICURA: “TROVEREMO UNA SOLUZIONE”

MUSUMECI: “C’E’ CHI CANTA E CHI LAVORA”

M5S AL VETRIOLO: “LA MAGGIORANZA PENSA SOLO ALLE POLTRONE”

PULLARA: “NO AL MERCATO DELLE VACCHE”

Categorie
economia
Facebook

CORRELATI