L’Assemblea regionale torna a riunirsi: atmosfera surreale, presenze “contingentate”

Tempi di coronavirus anche al Parlamento siciliano dove oggi l’assessore alla Salute Ruggero Razza ha relazionato su tutto ciò che è stato fatto dal Governo regionale (e ancora da fare in Sicilia) per fronteggiare un’emergenza che è ancora non accenna ad attenuarsi.

A Palazzo dei Normanni l’atmosfera è ben diversa dal solito, e non solo per l’assenza di litigiosità che ha caratterizzato gli ultimi mesi di attività parlamentare ma per l’esigenza di rispettare le distanze di sicurezza.

In aula, oltre al presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè seduto al proprio posto, ci sono solo i capigruppo di maggioranza e opposizione, i membri del Consiglio di presidenza e i componenti della commissione Sanità dell’Ars.

Alcuni assistenti parlamentari presenti a sala d’Ercole indossano le mascherine, nella sala stampa l’accesso è consentito solo a otto cronisti nel rispetto delle disposizioni di sicurezza dei decreti del presidente del Consiglio.

Dopo la relazione di Razza la seduta – come previsto – è stata sospesa e dopo ci sarà spazio per le eventuali mozioni dei gruppi parlamentari. I deputati, se lo richiederanno, potranno alternarsi sul  pulpito e alla fine di ogni intervento il microfono sarà igienizzato.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI