Lavoratori regionali, Siad-Cisal proclama 4 giorni di sciopero: “La pazienza è terminata”

Il Siad-Cisal, uno dei sindacati più rappresentativi dei lavoratori regionali, ha proclamato lo sciopero generale di tutti i dipendenti della Regione per 4 giorni: 22 novembre, 29 novembre, 6 dicembre e 13 dicembre sono le date in cui si prevede l’astensione dal lavoro per l’intera giornata.

Alle iniziative aderisce anche la federazione dei funzionari regionali del Csa-Cisal. Oltre alle date in cui è prevista astensione dal lavoro, il 18 dicembre invece, si terrà una manifestazione che alle 10 vedrà i lavoratori ritrovarsi di fronte a Palazzo d’Orleans, in piazza Indipendenza, a Palermo.

Angelo Lo Curto e Giuseppe Badagliacca del Siad-Cisal affermano:  “La pazienza dei lavoratori è terminata: di fronte al silenzio assordante del Governo, non abbiamo altra strada che lo sciopero generale di tutti i dipendenti della Regione siciliana”.

 “Le richieste dei lavoratori sono sempre le stesse. Il riconoscimento delle mansioni superiori, l’applicazione integrale del contratto e la riqualificazione del personale anche mediante l’utilizzo degli 8 milioni di euro rimasti nel Fondo per la contrattazione 2019. Già lo scorso 4 novembre il Siad-Cisal ha avviato le procedure di raffreddamento, contrariamente agli altri sindacati, ma niente è cambiato: adesso non possiamo fare altro che ricorrere allo sciopero. Ci auguriamo che adesso anche le altre sigle sindacali si uniscano alla protesta”.

LEGGI ANCHE

QUALITÀ DELL’ARIA, REGIONE E MINISTERO FIRMANO L’ACCORDO

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI