Lavoro, l’assessore Scavone insedia il Tavolo regionale di contrasto al caporalato

Si insedia in Sicilia il Tavolo regionale di contrasto al grave sfruttamento lavorativo e al caporalato. L’assessore alla Famiglia, alle politiche sociali e al lavoro, Antonio Scavone, ha firmato il decreto di insediamento dell’organismo presieduto dallo stesso assessore e composto dai dirigenti generali dei dipartimenti regionali della Famiglia e delle politiche sociali, del Lavoro, della Formazione professionale, dello Sviluppo rurale e territoriale, dai rappresentanti delle Prefetture di Agrigento, Catania e Ragusa, dai referenti della direzione regionale dell’Inail, dell’Anpal, di Anci Sicilia, di Cia, Fai Cisl e Flai Cgil.

I componenti dell’organismo verranno integrati ogni due mesi fino al completamento della composizione prevista. Le funzioni di segreteria sono affidate all’Ufficio speciale immigrazione della Regione Siciliana. Nelle prossime settimane verrà convocato il primo incontro.

“Avere insediato il Tavolo – sottolinea l’assessore Scavone – è un ulteriore passo verso la tutela di chi lavora nella campagne della nostra Isola. Va avanti il percorso intrapreso dal governo Musumeci per garantire l’osservanza dei diritti e contrastare l’odioso fenomeno delle sfruttamento nei campi. Dopo avere lanciato la campagna “Diritti negli occhi” e avere avviato servizi di ospitalità e orientamento, lavoreremo affinché questo organismo composito, che mette insieme Istituzioni, sindacati ed Enti preposti a favorire l’occupazione e garantire il rispetto della legalità, svolga pienamente il suo ruolo al servizio dei siciliani e dei lavoratori migranti presenti sul nostro territorio”.

Il Tavolo rientra nelle attività del Programma “Su.Pr.Eme. Italia” finanziato dai fondi Amif – Emergency Funds della Commissione europea – Direzione generale Migration and home affairs. Il partenariato è guidato dal Ministero del Lavoro e delle politiche sociali – Direzione generale Immigrazione (capofila) coadiuvato dalla Regione Puglia (coordinatore) assieme alle Regioni Basilicata, Calabria, Campania e Sicilia e l’Ispettorato nazionale del lavoro, l‘Organizzazione internazionale per le migrazioni e Nova consorzio nazionale per l’innovazione sociale.

La Regione Siciliana, tramite l’assessorato e l’Ufficio speciale immigrazione, ha già avviato numerose azioni di prevenzione e contrasto al caporalato in agricoltura in tutte le province siciliane, rivolte ai lavoratori stranieri.

SICILIA, IL WEEKEND SARÀ INFUOCATO: QUANDO FINISCE IL CALDO DELL’ANTICICLONE AFRICANO?

PALERMO, SIGLATO UN PROTOCOLLO D’INTESA TRA L’ORDINE DEGLI AVVOCATI E CONFCOMMERCIO

PALERMO, PRESENTATO IL 398° FESTINO DI SANTA ROSALIA. LAGALLA: “LA CITTÀ È DI TUTTI”

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI