Le “Sardine” sono arrivate a Palermo: 4 mila persone davanti al Teatro Massimo

Grande partecipazione a Palermo per la prima manifestazione siciliana delle “sardine”, il movimento spontaneo nato a Bologna in risposta alla manifestazione della Lega di apertura della campagna elettorale e per dire basta alla comunicazione politica aggressiva.

Circa 4 mila persone si sono radunate davanti al Teatro Massimo, rispondendo presente all’appello nato sui social e promosso da “#PalermoNonSiLega” e coordinamento UniAttiva, che davano appuntamento alle ore 18.30 di venerdì a Piazza Verdi.

In questi giorni sono state tante le adesioni anche da parte di professionisti e associazioni (come i giovani del Centro Pio La Torre) ma anche esponenti della politica, tra cui quella della giunta del Comune di Palermo guidata dal sindaco Leoluca Orlando  che ha preso parte alla manifestazione insieme al vicesindaco Giambrone.

Tra gli interventi anche quello di Chiara Puccio: “Populisti, la festa è finita. Avete rovesciato odio e bugie, mescolando verità e menzogne”, incalza Chiara. “Ma ora la corda, troppo tesa, si è spezzata. Non c’è bisogno che venite a liberarci. Siamo noi a doverci liberare della vostra presenza ossessiva”. Chiara Puccio mette sotto accusa i social, strumento della “comunicazione vuota” e pieni di insulti. “Avete distrutto la vita delle persone, ci avete intimidito, ma ora ci siamo svegliati”. Da qui l’invito che scalda le sardine: “Usciamo dai social, ritroviamoci nelle piazze”. E alla fine tutti a cantare “Bella ciao”.

Leandro Spilla invece attacca quella che in tv espone il suo volto peggiore della rissa e dello scontro. “Noi reclamiamo la politica del confronto vero e dei valori. E siamo qui per dire che consideriamo la diversità una ricchezza. Finora c’è stata una narrazione aggressiva. Invece abbiamo bisogno di una politica che sappia prima di tutto ascoltare le ragioni degli altri”

 

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI