Lentini, omicidio di Sebastiano Greco: tre arresti per detenzione di armi

I Carabinieri del nucleo investigativo di Siracusa hanno arrestato Alfio Caramella, 48 anni, Antonino Valerio Milone, 37 e Shasa Antony Bosco 29, tutti di Lentini. Sono accusati di ricettazione, detenzione e porto illegale di armi da fuoco, sia da guerra sia comuni da sparo e di munizionamento di vario calibro. Milone e Bosco sono già stati arrestati lo scorso ottobre, in carcere con l’accusa di omicidio in concorso, perché ritenuti gli esecutori dell’omicidio di Sebastiano Greco, ferito mortalmente sotto gli occhi del figlio.

Caramella avrebbe detenuto presso la sua abitazione diverse armi per conto di Milone. Secondo quanto ricostruito dai militari dell’Arma, il 10 ottobre scorso Milone e Bosco, dopo aver sparato, a Greco erano fuggiti a piedi seminando il panico: prima avevano ferito una persona che si era rifiutata di accompagnarli e poi avevano rubato un auto.

Gli investigatori avevano ritrovato due pistole, una Beretta calibro 22 e una calibro 9 modello P38, nascoste in un cespuglio poco distante da un garage di proprietà di Caramella, legato a Milone da rapporti di parentela. Le indagini hanno permesso di accertare che le armi erano state abbandonate dai malviventi durante la fuga.

Nei giorni successivi al fermo di Milone, la Polizia aveva arrestato Caramella per detenzione di un candelotto di esplosivo occultato in un’intercapedine di un garage di sua proprietà. In quello stesso garage, i Carabinieri hanno individuato l’anfratto dove le armi erano state nascoste sino alla mattina del delitto. La pistola Beretta cal. 22 era stata rubata a Francofonte nel novembre 2015 a un anziano.

SALINA, INCENDIO IN UNA FALEGNAMERIA

DALLA REGIONE UNA PIOGGIA DI FONDI

STABILIZZAZIONE DEI PRECARI IN SICILIA: C’È L’OK DELLA CONSULTA

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI