Concorsi truccati, il rettore di Catania Francesco Basile rassegna le dimissioni

L’ex rettore Basile potrà tornare a lavorare all’Università: lo ha deciso il Riesame di Catania

Il Tribunale del riesame di Catania ha revocato, con alcune limitazioni, la sospensione dell’esercizio di un pubblico ufficio dell’allora rettore dell’Università di Catania Francesco Basile che era stato coinvolto nelle indagini su “Università bandita”.

Basile, insieme ad altri professori, è indagato per associazione per delinquere, corruzione, e turbativa d’asta: secondo l’accusa avrebbero “truccato” 27 concorsi, da qui la decisione del Gip di sospenderlo dalle funzioni, provvedimento a cui avevano fatto seguito le dimissioni di Basile dalla carica di rettore.

I giudici hanno disposto che il prof. Basile possa tornare a svolgere la sua attività professionale nell’ateneo, ma non potrà fare parte di commissioni di concorsi universitari né di quelli per l’abilitazione alla professione. Il Tribunale del riesame ha accolto la richiesta in subordine avanzata dai legali dell’ex rettore, l’avvocato Attilio Floresta e il prof. Angelo Pennisi.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI