pellegrino

“Light Connection”: dalla Sicilia all’Europa la “luce” dell’artista Domenico Pellegrino

Provate a cliccare sul web “Sicilia Luminosa”, la prima immagine che troverete è “La Sicilia” di Domenico Pellegrino, disegnata con le celebri lampadine da strada e ormai diventata un’icona delle opere pop. Domenico Pellegrino, artista e designer palermitano, figlio d’arte, racconta: “La Sicilia è la terra dove sono nato e che mi dà ispirazione”.

Pellegrino ha impreziosito, con le sue luci, elementi e linguaggi della tradizione siciliana esponendo le sue opere e installazioni in giro per l’Italia. “Sono sempre alla ricerca di nuovi progetti stimolanti, la mia idea adesso è quella di portare un elemento come la luce ad “accendere” alcune opere di Street Art italiana ed europea, coinvolgendo artisti attivi sul tema dell’arte pubblica”. Da qui nasce “Light Connection”.

Light Connection si sviluppa come una sequenza di progetti autonomi, di volta in volta da realizzare in città diverse (Palermo, Milano, Roma, Barcellona, etc.) ma collegati l’uno all’altro dall’elemento della luce, che come un fil rouge ne “accende” un dettaglio o un particolare.

Il progetto, spiega Domenico Pellegrino, prende spunto anche questa volta dalla Sicilia, in particolare dagli stucchi dorati del Serpotta, straordinario scultore e decoratore palermitano che nella sua città, come scrissero le cronache, costellò le chiese e gli oratori di stucchi dorati, per aggiungere luminosità e splendore alle migliaia di “opere di fede e misericordia, battaglie di cristiani, turchi e pirati di Barberia” di cui è felicemente costellata Palermo.

“Come il Serpotta dava luce alle sculture e agli stucchi attraverso la doratura, così oggi le mie luminarie attirano l’attenzione, illuminando vecchie storie o luoghi ormai dimenticati”.

Il progetto “Light Connection” prenderà il via con la collaborazione dell’artista di origine ispanica Felipe Cardeña, che presenterà un grande ritratto di Santa Rosalia, immerso in un lussureggiante sfondo floreale, sulla facciata dell’Oratorio di Santo Stefano Protomartire nel centro di Palermo, in occasione della sua mostra “Swag Revolution”. Per l’occasione, Pellegrino inserirà alcune luminarie all’interno dell’immagine, per dare forza e far risaltare il lavoro anche al buio.

Il progetto proseguirà poi in altre città: a Barcellona, con un “San Jordi” interpretato da Luca Hugo Brucculeri, a Roma, con Nicola Verlato, a Milano con Pao per proseguire poi con altre collaborazioni. “A proposito dell’appuntamento di Barcellona – conclude Pellegrino – ringrazio Angelica Nulli, responsible for artistic connections, per aver creato i ponti necessari per la riuscita del progetto”.

Categorie
cultura
Facebook

CORRELATI